ROMA, FESTA DELLA REPUBBLICA

ROMA, FESTA DELLA REPUBBLICA

1 GIORNO
2 giugno 2019


PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 05,00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di ROMA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo a ROMA ed intera giornata dedicata alle visite libere. La Festa della Repubblica italiana è la festa nazionale italiana celebrata ogni 2 giugno. In questa data si ricorda il referendum istituzionale indetto a suffragio universale il 2 e il 3 giugno 1946 con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo dare al Paese. Dopo alcuni decenni di abbandono, fu resa nuovamente giorno festivo nel 2000 su iniziativa del secondo governo Amato per impulso, principalmente, dall’allora Presidente Carlo Azeglio Ciampi. Di fatto è la principale festa nazionale civile italiana. Nel giugno del 1948 per la prima volta Via dei Fori Imperiali ospitava la parata militare in onore della Repubblica. L’anno seguente, con l’ingresso dell’Italia nella NATO, se ne svolsero dieci in contemporanea in tutto il Paese mente nel 1950 la parata fu inserita per la prima volta nel protocollo delle celebrazioni ufficiali. Attualmente il cerimoniale prevede la deposizione di una corona d’alloro al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria e una parata militare alla presenza delle più alte cariche dello Stato. Alla parata militare prendono parte tutte le Forzi Armate, le Forze di Polizia della Repubblica, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, della Croce Rossa, del Corpo della Polizia Municipale di Roma ed il personale della Protezione Civile. Tempo a disposizione per visite individuali e shopping. Possibilità di visitare i Giardini del Palazzo del Quirinale, aperti al pubblico solo in occasione della Festa della Repubblica, rappresentano una delle aree verdi più belle e affascinanti della Capitale. Quattro splendidi ettari di parco che iniziano con il grande viale delle palme. E poi sentieri tracciati da siepi di bosso e alloro e la spettacolare fontana delle tartarughe o dei delfini. Palme, pini, lecci, camelie, magnolie, rose e cedri del Libano a rendere ancora più suggestiva la vista magnifica su tutta Roma. Uno spettacolo dalla profondità immensa e dai colori veri che solo Roma riesce a regalare. E bisogna essere preparati quando lo spettacolo riesce perfino a togliere il respiro. Alle ore 19,00 circa, partenza per il rientro. Sosta per ristoro. Arrivo. FINE DEI SERVIZI.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 45,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: I pasti – Le guide – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


 

LA MAREMMA. Capalbio, la piccola Atene: dove la vista sull’intera Maremma vola fino al mare. IL GIARDINO DEI TAROCCHI, il parco maremmano ispirato a Gaudì. MONTEMARANO: una Perla Toscana adagiata nella Maremma

LA MAREMMA. Capalbio, la piccola Atene: dove la vista sull’intera Maremma vola fino al mare. IL GIARDINO DEI TAROCCHI, il parco maremmano ispirato a Gaudì. MONTEMARANO: una Perla Toscana adagiata nella Maremma


1 GIORNO
2 giugno 2019


PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 05:30, incontro con il pullman e partenza alla volta della MAREMMA. è una vasta zona della Toscana, un microcosmo perfetto che si estende tra le province di Livorno e Grosseto. Dante nella Divina Commedia ne identificava i confini tra “Cecina e Corneto” (Tarquinia). Caratteristica unica della Maremma è la varietà del suo territorio: mare cristallino, lunghe spiagge o scogli impervi, monti ricoperti da fitti boschi, zone lacustri e pianeggianti, verdi colline coltivate e zone termali naturali. Una zona senza tempo, che affonda le sue radici nelle civiltà antiche. CAPALBIO: È un borgo medievale perfettamente conservato immerso nella campagna toscana, maremmana per la precisione. Il borgo mantiene quasi per intero la sua struttura medievale, il castello, la cinta muraria lungo la quale si può percorrere parte del cammino di ronda, le porte originarie tra cui, la Senese, che conserva ancora le ante quattrocentesche in legno massiccio. IL GIARDINO DEI TAROCCHI. l’esoterico giardino delle sculture di Niki de Saint Phalle ispirato al gioco dei tarocchi, un “piccolo angolo di paradiso in cui uomo e natura si incontrano” ispirata dal Parco di Guell di Gaudì a Barcellona. Qui l’artista inizia a creare e costruire personalmente le grandi sculture che popolano il Giardino. I 22 Arcani maggiori dei Tarocchi sono costruiti in acciaio ricoperte da cemento con vetri, specchi e ceramiche colorate. La creazione del Giardino ha impegnato l’artista per oltre diciassette anni e ha visto all’opera grandi artisti contemporanei, tra cui anche Jean Tinguely, marito dell’artista. Le carte rappresentano la personale visione dell’artista del significato simbolico ed esoterico dei Tarocchi, a cui era molto affezionata. La loro disposizione all’interno del giardino è suggestiva, come se questi stessero narrando la storia della vita dell’artista. La Papessa è sicuramente l’opera più rappresentativa. Raffigurata come una grande donna “sfinge”, questa scultura era la casa di Niki quando lavorava al Giardino. E poi la Giustizia, l’Albero della vita, i cui rami sono teste di serpente e il fusto è ricoperto da iscrizioni e disegni dell’artista. E ancora il Diavolo, il Mago, il Sole, la Ruota della Fortuna e gli altri arcani. Il Giardino dei Tarocchi è sicuramente un posto magico, un piccolo angolo di Paradiso in Maremma dove davvero arte, uomo e natura si fondono all’unisono. MONTEMARANO: Il grazioso borgo è situato su una collina tra Saturnia a Manciano, circondato dalla campagna maremmana, e protetto da ben tre cinte murarie, ha mantenuto intatto il suo aspetto antico con la splendida chiesa, la rocca, le stradine pavimentate e la caratteristica piazzetta del castello circondata dagli edifici in pietra. Di origine medievale custodisce gelosamente ancora oggi questa sua peculiarità e passeggiare tra le viuzze del suo centro storico sarà come vivere un tuffo nel passato, ripercorrendo i lunghi secoli di storia del borgo… come in una fiaba. E’ inoltre uno dei “Borghi più Belli d’Italia”, ogni suo angolo o scorcio è unico nel suo genere, un piccolo gioiello di storia medievale, monumenti, tradizioni e leggende tutte da scoprire. Il centro storico è unico nel suo genere, tanti vicoli e viuzze che vi condurranno alla scoperta degli angoli più nascosti, piazzette incastonate tra antichi palazzi in pietra, scorci panoramici, ristoranti ed enoteche. Piazza del Castello è il luogo più rappresentativo di Montemerano, un’immagine suggestiva ed incantevole, da cartolina, incastonata tra edifici storici in pietra… Nel cuore del borgo, in Piazza della Chiesa, si trova la caratteristica Chiesa di San Giorgio. Verso le ore 18:00 partenza per il rientro. Sosta lungo il percorso per la cena libera. Arrivo e fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax ) € 65,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Guida intera giornata – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – I pasti – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


CASTELLO DI TORRECHIARA: il castello dell’innamorato / PARMA e la fondazione Magnani Rocca

CASTELLO DI TORRECHIARA: il castello dell’innamorato / PARMA e la fondazione Magnani Rocca

1 GIORNO
2 giugno 2019


PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 05:00, incontro con il pullman e partenza alla volta di PARMA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo e incontro con la guida e visita per l’intera giornata. CASTELLO DI TORRECHIARA: “Incantevole nido d’amore” voluto dal nobile Pier Maria Rossi a metà del ‘400 per l’amante Bianca Pellegrini e superba scenografia dell’amore cinematografico del capitano Navarre per la sua lady Hawke, interpretata da Michelle Pfeiffer, il castello di Torrechiara, adagiato su dolci colli ricamati a vigneti, è un’apparizione per chi da Parma risale l’antica “valle del prosciutto” ed è una perla di raro valore artistico, perfetta unione tra Medioevo e Rinascimento. L’interno offre al visitatore un tripudio di sale affrescate, tra le quali spicca la Camera D’Oro, il cui nome deriva dalle foglie di oro zecchino che un tempo rivestivano le formelle alle pareti. La stanza conserva ancora oggi scene del rituale dell’amore cavalleresco e la celebrazione del legame tra Bianca e Pier Maria. Vi si riconoscono gli stemmi dei due amati, due cuori con le frasi Digne et in aeternum (degnamente e in eterno) e Nunc et semper (ora e per sempre), a testimonianza dell’eternità del loro amore terreno: il visitatore viene coinvolto in un susseguirsi di scene dove la protagonista avanza con soave leggiadria tra le balze appenniniche, sotto un sole che trapunta di fiammeggianti raggi dorati il cielo patinato di cobalto. Di altissima qualità sono anche gli affreschi degli altri ambienti: le sale di Giove, degli Angeli, il magnifico salone degli acrobati. L’intero complesso, che avvicenda a queste preziosissime sale suggestivi ambienti di servizio quali le cucine e le scuderie, è distribuito su due piani attorno al prestigioso Cortile d’Onore, oggi teatro di importanti spettacoli ed eventi estivi. Trasferimento a Parma pranzo libero e passeggiata nel centro storico. Nel pomeriggio trasferimento alla Fondazione Magnani Rocca e visita della collezione permanente e del parco. La FONDAZIONE MAGNANI ROCCA: la sede museale della Fondazione Magnani Rocca nella villa di Corte di Mamiano di Traversetolo, ospita la prestigiosa collezione di Luigi Magnani (1906-1984), che annovera, fra la altre, opere di Gentile da Fabriano, Filippo Lippi, Durer, Tiziano, Rubens, Van Dyck, Goya e, fra i contemporanei, Monet, Renoir, Cézanne, De Chirico, de Pisis, cinquanta opere di Morandi, Burri, oltre a importanti sculture di Canova, Bartolini e Manzù. Nella villa è stata lasciata il più possibile invariata la collocazione degli arredi per conservare la sua atmosfera di casa vissuta: troviamo straordinari mobili e oggetti di epoca Impero, fra i quali la vasca in malachite del Thomire, dono dello zar Alessandro I a Napoleone. La villa-museo è situata in un bellissimo e vasto parco secolare popolato di animali che rende la Fondazione meta estremamente piacevole per i visitatori. Alle ore 18:30, inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 65,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Guida per l’intera giornata – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – I pasti – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”


minicrociera alle isole GIGLIO e GIANNUTRI “le piccole perle dell’arcipelago”. PITIGLIANO, la piccola Gerusalemme. SOVANA, borgo medievale perfettamente intatto. SORANO, la sentinella di tufo

minicrociera alle isole GIGLIO e GIANNUTRI “le piccole perle dell’arcipelago”. PITIGLIANO, la piccola Gerusalemme. SOVANA, borgo medievale perfettamente intatto. SORANO, la sentinella di tufo


2 GIORNI
1 giugno 2019 – 2 giugno 2019


PROGRAMMA01/06/2019: PARTENZA/PORTO SANTO STEFANO/CAPALBIO
Appuntamento dei partecipanti alle ore 04:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di PORTO SANTO STEFANO. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo e incontro con la guida per l’intera giornata e alle ore 09:55 partenza con il battello per la minicrociera alle ISOLE DEL GIGLIO e GIANNUTRI. Costeggiando il promontorio, si naviga verso Giannutri che si raggiunge dopo circa un’ora di navigazione. L’isola racchiude un ambiente selvaggio e inaspettato, fatto di ripide scogliere che precipitano nel blu più profondo, di grotte marine, di boschi impenetrabili, di una variegata macchia mediterranea dalla quale emergono le rovine del glorioso passato romano. Sosta con tempo libero a disposizione e possibilità di bagno nelle incantevoli acque dell’isola. Pranzo a bordo, cucinato espresso e servito ai tavoli in vassoi, con bevande incluse. Partenza per l’isola del Giglio, attracco a Giglio Porto e passeggiata: unico Porto dell’isola, piccolo e pittoresco, dalle case multicolori ed il mare di una limpidezza impensabile. Trasferimento in navetta fino a Giglio Castello e rientro in navetta a Giglio Porto. Giglio Castello: il suggestivo borgo medievale si erge sulle alture dell’Isola del Giglio, la cui atmosfera è rimasta intatta nel tempo, con le sue vie strette, sormontate da archi, che offrono bellissime viste panoramiche su tutto l’Arcipelago Toscano e che fanno di Giglio Castello una meta suggestiva, dal fascino unico. Rientro a Porto Santo Stefano per le ore 18:30 circa. Tutti gli orari di rientro a bordo, saranno comunicati dal Comandante. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

02/06/2019: PITIGLIANO/SOVANA/SORANO/RIENTRO
Prima colazione in hotel. Pranzo in ristorante. Guida interna giornata per Pitigliano, Sovana e Sorano. Siamo nel cuore della Maremma grossetana, a poche decine di chilometri dal Lago di Bolsena, certamente fuori dalle rotte del turismo di massa. PITIGLIANO: un paesino dalla conformazione caratteristica, arroccata su uno sperone di tufo, il cui splendido centro storico è anche noto come la ‘piccola Gerusalemme’. Pitigliano la si può intravedere addentrandosi negli splendidi scenari che affacciano sulla Maremma grossetana. SOVANA: ha conservato l’aspetto del classico borgo medievale, all’ingresso del paese troverete subito i ruderi dell’imponente Rocca Aldobrandesca risalente al XI secolo. Percorrendo tutta la via del Pretorio, unica via di accesso al borgo fino al 1558, si arriva in Piazza del Pretorio, la cui pavimentazione a spina di pesce è in parte ancora quella originale. SORANO: questo borgo medioevale di Sorano adagiato su uno sperone roccioso alto sopra il fiume Lente è l’ultimo comune di questo piccolo territorio, una specie di “Matera Toscana” per i numerosi edifici rupestri scavati nel tufo. L’abitato di viuzze pittoresche è dominato in alto dalla mole della fortezza di Palazzo Orsini che sovrasta il paese.Alle ore 18:30 circa, inizio del viaggio di ritorno. Sosta lungo il percorso per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) €. 240,00
Supplemento Singola €. 25,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Minicrociera in battello – Pranzo a bordo con menù di pesce (risotto alla pescatora, frittura calamari e gamberi, dolce, acqua e vino) –Trattamento di pensione completa dal pranzo dell’1/6 al pranzo del 2/6-Le bevande ai pasti- Guide per tutte le visite come da programma- Navetta per Giglio Castello andata/ritorno-
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei luoghi di visita- Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”
Quota d’iscrizione: €. 10,00 (assicurazione medico e bagaglio)


CIVIDALE e GORIZIA: CUSTODI DI UNA STORIA SENZA TEMPO. Con il treno storico da Nova Gorica a Bled. IL LAGO BLED

CIVIDALE e GORIZIA: CUSTODI DI UNA STORIA SENZA TEMPO. Con il treno storico da Nova Gorica a Bled. IL LAGO BLED


2 GIORNI
1 giugno 2019 – 2 giugno 2019


PROGRAMMA01/06/2019 – PARTENZA / CIVIDALE DEL FRIULI / GORIZIA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 05,00. Incontro con il pullman e partenza alla volta del Friuli. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo, incontro con la guida e visita. CIVIDALE DEL FRIULI: è sito storico e artistico di forte carattere e rilievo, specie per le vestigia dell’epoca longobarda. Visite: il Tempietto Longobardo, edificato nei secoli VIII-IX d.C., è uno dei capolavori dell’arte longobarda e che conserva al suo interno importantissime opere d’arte, tra cui la bellissima decorazione a stucco rappresentante Sei Sante; il Duomo di santa Maria Assunta, eretto nel XVI secolo sui resti di un preesistente edificio religioso, che vanta tra i suoi tesori due pale d’altare di Palma il Giovane (XVI secolo) e la famosa Pala d’argento di Pellegrino II, capolavoro dell’oreficeria medievale; il Battistero di Callisto, un’ edicola ottagonale, ornata da bellissime decorazioni scolpite, risalente alla metà dell’ VIII secolo; l’Ara di Ratchis, dedicata all’omonimo re dei Longobardi, nonchè duca di Cividale:l’Ipogeo Celtico, interamente scavato nel sottosuolo, di cui però si ignora la funzione originaria; il Ponte del Diavolo, simbolo della città, che la tradizione vuole sia stato costruito in una sola notte dal Diavolo, il quale aveva fatto un patto con i cividalesi. GORIZIA: moderna città di origini medioevali e crocevia di culture diverse, allo sbocco dell’Isonzo nella pianura friulana, fra monti che furono teatro di aspre battaglie nella guerra 1915-18. Si potranno ammirare: Piazza della Vittoria, si apre vasta al centro della città; il Duomo, costruito in momenti successivi, ad una cappella che risale almeno al XII secolo ne è stata unita un’altra nel XV secolo, l’edificio risultante è stato ulteriormente ampliato due secoli dopo; il castello di Gorizia, costruito nell’XI secolo su un colle, è caratterizzato da mura di cinta a pianta poligonale e torri rotonde ai vertici; il colle è circondato da una bastionata costruita durante la dominazione della Repubblica Veneziana e vi si trova anche la Chiesa di S. Spirito, un piccolo edifico gotico con caratteristico campanile a vela, costruita nel 1398; ecc.. In serata, sistemazione in Hotel in zona, cena e pernottamento.

02/06/2019 – TRENO NOVA GORICA-BLED / LAGO DI BLED / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Partenza per NOVA GORICA. Alle ore 08:45 partenza su di un vero treno d’altri tempi, con tanto di locomotiva a vapore, che fischia e sbuffa, e che ha come destinazione l’incantevole Bled, con il suo lago incastonato tra le montagne ed il suo affascinante castello. Si percorrerà un tratto della storica “Ferrovia Transalpina”, incastonata tra paessagi di incomparabile e mutevole bellezza, costeggiando bellissimi fiumi come l’Isonzo e la Sava, che venne inaugurata il 19 luglio 1906, allo scopo di completare la rete ferroviaria che collegava Vienna e l’Europa Centrale alle regioni adriatiche dell’Impero Austro Ungarico ed in particolare al porto di Trieste. La costruzione della linea ferroviaria richiese numerose e ardite opere di ingegneria (gallerie, ponti, viadotti), che l’hanno resa famosa. Per tutti si possono ricordare il ponte di Salcano, la cui arcata in pietra di 85 metri e ancora oggi la più grande al mondo e la galleria di Piedicolle, lunga 6327 metri. I conflitti mondiali dello scorso secolo hanno fatto perdere alla Transalpina il ruolo di grande ferrovia commerciale, rendendola una linea secondaria, che oggi rinasce come ferrovia turistica per collegare Austria, Slovenia e Italia, attraverso territori di incomparabile e mutevole bellezza, costeggiando bellissimi fiumi come l’Isonzo e la Sava. Arrivo a BLED alle ore 11:10 circa. Tempo libero. Pranzo in ristorante. Breve visita con guida di questa località che sorge sulle sponde del Lago a 510 m di altezza, frequentata in ogni stagione da turisti di tutto il mondo, in quanto principale stazione climatica slovena; il lago ha origini glaciali, non ha emissari e rifornisce di acque termali i più importanti alberghi del circondario; visita del Castello che domina la città ed il lago da un balzo di roccia a strapiombo, e giro in barca (facoltativo) sul lago per visitare l’isolotto di Marjka Bozja dove sorge un prezioso santuario barocco. Al termine delle visite, inizio del viaggio di ritorno. Soste lungo il percorso per ristoro e per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 240,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa, dalla cena del 1/6 al pranzo del 2/6 – Bevande ai pasti – Guide per le visite, come da programma – Treno storico a vapore da Nova Gorica a Bled – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi ai musei e nei luoghi di visita – Le bevande ai pasti – Il pranzo del 1/6 e la cena del 2/6 – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”
Supplemento camera singola: € 25,00

Documento: Carta di identità valida per l’espatrio e senza timbro di rinnovo

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

"Per un vero viaggiatore la gioia non è arrivare alla meta, ma continuare a viaggiare…"