Archivi tag: Liguria

LIGURIA, la Riviera delle Palme – La Riviera dei Fiori. Paesaggi mozzafiato in una regione unica dalle mille attrattive: GENOVA / SANREMO / IMPERIA Finalborgo / Alassio / Cervo / Triora / Principato di Seborga Dolceacqua / Bordighera / Ventimiglia

LIGURIA, la Riviera delle Palme – La Riviera dei Fiori. Paesaggi mozzafiato in una regione unica dalle mille attrattive: GENOVA / SANREMO / IMPERIA Finalborgo / Alassio / Cervo / Triora / Principato di Seborga Dolceacqua / Bordighera / Ventimiglia


7 giorni
10 agosto 2020 – 16 agosto 2020


PROGRAMMA1° Giorno – PARTENZA / GENOVA / IMPERIA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 00:30: Incontro con il pullman e partenza alla volta di GENOVA. Soste lungo il percorso per ristoro: Arrivo a GENOVA, incontro con la guida e visita. Genova è una città di mare, attiva e solare, intrisa di odori, di suoni, di sentimenti. Sviluppatasi intorno al suo porto, è la città dei pescatori, dei mercanti, è la patria dei genovesi scontrosi ma grandi di cuore. Antica città marinara, mantiene intatto il centro storico più grande d’Europa, nel quale si mescolano le chiese medioevali ed i palazzi rinascimentali. Data la sua peculiarità e unicità al mondo, nel luglio 2006 è entrata a far parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Pranzo libero. Pomeriggio visita all’ACQUARIO: è la più grande esposizione di biodiversità acquatica in Europa: 27 mila metri quadrati, 70 vasche e oltre 12 mila animali di 600 specie diverse sullo sfondo inimitabile del Golfo di Genova. Un viaggio alla scoperta della vita sottomarina tra delfini, squali, pinguini, lamantini, meduse, foche, pesci tropicali e animali antartici attende i visitatori dell’Aquario di Genova. Novità del 2020 è la nuova vasca espositiva dedicata alle Coste del Nord Pacifico che accoglie diverse specie di invertebrati e un ospite speciale: un esemplare di polpo gigante del Pacifico. Il percorso dell’Acquario si articola in tre sezioni: le 40 grandi vasche, riproduzione fedele degli habitat sottomarini, accolgono il visitatore proiettandolo nel mondo affascinante e sconosciuto dell’Acquario di Genova. La visita prosegue con le 4 vasche a cielo aperto del Padiglione Cetacei a firma di Renzo Piano e con le 19 vasche del Padiglione Biodiversità, ospitato all’interno della Nave Italia, vera e propria nave riprogettata e ormeggiata nel Porto Antico. Quest’ultima sezione ospita la grande vasca tattile dove i bambini e tutti i visitatori possono accarezzare le razze. In serata sistemazione in Hotel /zona Imperia, cena e pernottamento.
2° Giorno – IMPERIA / SANREMO
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alla visita di: IMPERIA, o meglio ONEGLIA e PORTO MAURIZIO, i due nuclei ancora perfettamente distinti e separati dal torrente Impero che la costituiscono. Oneglia è il quartiere industriale con il porto mercantile, gli stabilimenti per la produzione di pasta e oleari; nell’oleificio dei Fratelli Carli è allestito il Museo dell’Ulivo dove potrete ammirare oggetti di antiquariato, curiosità, pezzi rari e conoscere la storia, lo sfruttamento ed il commercio dell’olio e dei prodotti derivati. A Porto Maurizio, che si è sviluppato vicino ad una roccaforte romana, si trova un porticciolo turistico ed il quartiere antico di Parasio dove ammirare un fantastico panorama e fastosi edifici nobiliari. Vanta un polo d’attrazione indiscutibile, che è il suo colossale Duomo, di circa 3.000 metri quadri, in stile neoclassico. SANREMO: è la più importante stazione climatica invernale della Riviera di Ponente e una delle più famose d’Europa. E’ una città essenzialmente moderna, un polo turistico di primaria importanza, dotato di un’imponente attrezzatura ricettiva, un importante mercato floricolo e un centro di divertimenti e di manifestazioni di grande richiamo. Si potranno ammirare: la passeggiata Imperatrice, la Chiesa russa, il Casinò (esterno) , la Concattedrale di San Siro ed il quartiere medievale soprannominato “La Pigna”; il teatro Ariston (esterno) e la elegante via Matteotti, il quartiere dei pescatori con Piazza Bresca ed il porto vecchio, ecc.. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

3° Giorno – PRINCIPATO DI SEBORGA / DOLCEACQUA / BORDIGHERA
Prima colazione in Hotel. Guida per l’intera giornata, dedicata alla visita di: PRINCIPATO DI SEBORGA: uno dei “borghi più Belli d’Italia”, il piccolo comune, situato sulle colline della Liguria di Ponente al confine con la Francia, si dichiara, ancora oggi, principato indipendente: ha il suo re, le sue leggi e batte perfino moneta. Per lo stato italiano, ovviamente, tale principato non esiste e non è riconosciuto, eppure girando per le viuzze del paese si respira ancora l’atmosfera del passato: si incontrano le guardie della polizia municipale dotate di pittoresche uniformi e chi lo desidera può richiedere il passaporto o la patente di guida recanti i timbri del principato. DOLCEACQUA è un piccolo borgo medievale affacciato sulla Val Nervia, diviso in due. La zona più antica della cittadina, denominata dagli abitanti del luogo “Terra”, è rappresentata dal Castello di Doria, mentre quella più moderna si trova dalla parte opposta e viene chiamata “Borgo”. Ricco di fascino e tutto da scoprire, questo piccolo borgo medievale è un vero gioiello del ponente ligure. Il Ponte Vecchio è uno dei simboli di Dolceacqua, che hanno reso il borgo immortale e famoso in tutto il mondo. Tutto grazie a Claude Monet, il celebre pittore francese, che lo scelse come soggetto di alcuni dipinti. Guardandolo è facile capire perché l’artista se ne innamorò. Formato da un unico arco a tutto sesto, risale al 1400 ed è un esempio di perfezione architettonica. Da non perdere è il Visionarium, un piccolo cinema unico al mondo, costruito pezzo per pezzo in legno dal suo proprietario, considerato da molti un vero e proprio genio. Assisteremo al viaggio tridimensionale intitolato “Recondite Armonie”, alla scoperta degli angoli più selvaggi della Val Nervia . BORDIGHERA è chic ed elegante come i turisti inglesi che la colonizzarono a fine ‘800. Si percorre la via Romana per ammirare la pineta, i muri coperti di bouganville, i grandiosi alberghi in stile liberty, le lussuose ville. La città vecchia vi accoglie con i suoi carrugi e un’alta concentrazione di ottimi ristoranti. Il Giardino Moreno di Bordighera, che Monet definiva “fantasmagorico” dove «tutte le piante dell’universo sembrano crescervi spontaneamente». Durante quel soggiorno realizzò 38 dipinti, la maggior parte a Bordighera, altri a Sasso, e Vallebona e quattro a Dolceacqua. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

4° Giorno – FINALBORGO / ALASSIO / CERVO
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alle visite. ALASSIO: Scoperta dagli inglesi alla fine dell’Ottocento, Alassio è una città di grande vocazione turistica. Celebre per il suo Muretto: più di 1000 piastrelle colorate con le firme di famosi personaggi , nato dall’incontro di Mario Berrino, titolare del celebre Caffè Roma, ed Hernest Hemingay nel 1953. Passeggiata sul lungomare , con la sua bella spiaggia sabbiosa e le case colorate dei pescatori e lungo il Budello, la stretta via che attraversa il centro con i suoi eleganti negozi e caffè. CERVO: uno dei “borghi più Belli d’Italia”, contraltare alla rumorosa vivacità della costa, su collina digradante dolcemente verso il mare, si raccoglie Cervo. E’ un paese magico, racchiuso dalle mura medievali e custode di un gioiello unico, il castello di Clavesana. Affascinante camminare per il labirinto di vicoli stretti che scendono verso la costa. E visitare la Chiesa di San Giovanni Battista, vero gioiello del barocco ligure, detta “dei Corallini” perché edificata a cavallo tra i secoli XVII e XVIII con i proventi delle compagnie di pescatori. FINALBORGO, uno dei “borghi più Belli d’Italia”, è un gioiello a pochi passi dal mare che incanta con la sua atmosfera d’altri tempi. Il nome deriva da Burgum Finarii, terra di confine (ad fines) ai tempi dei Romani e centro amministrativo del marchesato dei Del Carretto tra il XIV e il XVI sec. Chiuso tra mura medievali ancora ben conservate, intervallate da torri semicircolari e interrotte solo in corrispondenza delle porte, il Borgo di Finale (così detto per distinguerlo dalla Marina) offre subito al visitatore una sensazione di protezione e raccoglimento. L´antica concezione difensiva e comunitaria sopravvive nel reticolato delle vie, disposte perpendicolarmente tra loro a formare scorci affascinanti in spazi contenuti. Percorsi gli stretti vicoli, ogni piazza è una conquista e una sorpresa, in grado di esibire meraviglie nella “pietra del Finale”, l´ardesia che adorna portoni, si modella in colonne, diamanti, ornamenti. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.
5° Giorno – TRIORA / TAGGIA
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata. Partenza per la storica VALLE ARGENTINA: da TAGGIA, città medievale che diede il nome alla celebre oliva di qualità «taggiasca» si risale la valle passando per BADALUCCO fino a raggiungere TRIORA, uno dei “borghi più Belli d’Italia”, conosciuta con il temutissimo nome di paese delle streghe. Alla fine del 1500 Triora subì , infatti, uno dei più feroci processi alle streghe in italia. Ma di questa pagina cupa di storia, Triora ne fa un punto di forza : percorrendo Stradine acciottolate, archi e strutture scavate nella roccia, carruggi tipicamente liguri che qui assumono un aspetto tenebroso e spettrale, scalinate che portano a vecchi casolari (anche quelli in cui si riunivano le streghe) e abitazioni abbarbicate sulla roccia si respira un’atmosfera magiga e misteriosa. Visita del Museo etnografico e della stregoneria, del borgo e della piazza della Collegiata, nonchè della casa delle streghe, la celebre Cabotina. TAGGIA, uno dei “borghi più Belli d’Italia”, una città che è un piccolo paradiso dalla doppia anima, con il suo borgo carico di storia e di arte, con il valore aggiunto di Arma di Taggia, che con il suo mare e il suo sole è una stazione balneare con un consistente ‘traffico’ turistico. Taggia è anche la città dell’ardesia, la pietra dalla texture liscia e sottile che orna e praticamente decora gli antichi portali e i festoni con tanto di bassorilievi, in grado i ornare mirabilmente tanti edifici. Si potranno ammirare: il ponte romanico sul torrente Argentina, Piazza della Trinità, la chiesa della Madonna del Canneto, via San Dalmazzo e la Basilica dei Santi Giacomo e Filippo, che conserva all’interno la MADONNA MIRACOLOSA, statua dello scultore taggese Salvatore Revelli, venerata a seguito di un evento ritenuto miracoloso dalla Chiesa cattolica: per 3 giorni , nel marzo 1855, avrebbe ruotato gli occhi davanti ai fedeli. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

6° Giorno – GIARDINI HAMBURY / MENTONE / VENTIMIGLIA
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alla visita di: GIARDINI HANBURY, la passione naturalistica di una famiglia inglese ha creato, dal 1867, un giardino botanico per l’acclimatazione di piante provenienti dalle più diverse zone del mondo, sfruttando la felice posizione della zona e la particolare dolcezza del clima. Grazie alla collaborazione di botanici, agronomi e paesaggisti in massima parte stranieri, fu creato un grandioso insieme che non trova eguali in Europa sia dal punto di vista botanico, con le 5800 specie di piante ornamentali, officinali e da frutto, che da quello paesaggistico, grazie alla felice armonia compositiva tra edifici, elementi ornamentali e terrazzamenti coltivati. MENTONE: La vera bellezza della città sta nella sua atmosfera, nel suo emanare arte da ogni poro. Mentone è un piccolo centro fatto di vicoli stretti che portano direttamente al mare, dalle facciate ocra delle sue piccole abitazioni, dove il sole filtra attraverso le persiane. Le tegole rosse dei tetti dei campanili, le costruzioni barocche e l’aroma costante di limoni sono altri elementi che contribuiscono a conferire a questo comune un non so che di magico. Conosciuta per i suoi agrumi e per la “festa dei limoni”. Da non lasciarsi scappare a Menton, oltre la parte vecchia della città in stile barocco, sono sicuramente i numerosi giardini che occupano la città. Si va dal più famoso Jardin d’Agrumes du Palais Carnolès con le sue oltre 60 varietà di piante di limoni al più suggestivo e caratteristico Jardin Fontana Rosa, un giardino formato da oggetti completamente realizzati con gli agrumi dai colori vivaci, per finire con il Jardins de Colombières che trae spunto per la sua scenografia dalla mitologia greca. Nel pomeriggio visita di VENTIMIGLIA ALTA, arroccata sullo strategico promontorio del “Cavu”, ricca di monumenti medievali e barocchi: l’insigne cattedrale dell’Assunta, la chiesa romanica di S. Michele con la sua suggestiva cripta, le porte e fortificazioni genovesi del 1529, l’oratorio di S. Secondo. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

7° Giorno – GROTTE DI TOIRANO / VARAZZE / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Partenza per le GROTTE DI TOIRANO. Arrivo e visita con guida, alla scoperta di cristalli, grotte e stalattiti. Un viaggio nella profondità della terra sulle tracce di orsi delle caverne e uomini preistorici. Meravigliosi cristalli e stalattiti spettacolari fanno da scenografia al percorso che si snoda per circa 1300 metri sotterranei dalla Grotta della Bàsura alla Grotta di Santa Lucia Inferiore: un vero viaggio sulle tracce di orsi delle caverne e uomini preistorici. Il percorso inizia dalla Grotta della Bàsura, la più spettacolare di tutte. Qui trovò rifugio per millenni l’orso delle caverne: sono stati rinvenuti resti di ossa, impronte di zampe e unghiate sulle pareti, oltre a impronte di piedi, mani e ginocchia impresse nell’argilla da uomini preistorici vissuti in quei luoghi circa 12.000-12.500 anni fa. Si passa davanti alla stalagmite chiamata Torre di Pisa ed è facile capirne il motivo vista la forma a colonna leggermente inclinata su un lato, si attraversa il Salotto della Strega, la Sala del Fascio e il Corridoio delle Impronte per arrivare a un laghetto sotterraneo popolato da crostacei ciechi. Dopo la colata d’alabastro a canne detta l’Organo, si visita il Cimitero degli orsi e la Sala dei Misteri. Vi sembrerà realmente che la macchina del tempo vi abbia riportato all’età della Pietra. Proseguimento per VARAZZE. Arrivo e passeggiata libera. Il centro storico di Varazze, per la sovrapposizione di stili ed epoche diverse, è uno tra i più belli e caratteristici borghi della Riviera Ligure, caratterizzato da case colorate e dalla vicinanza alla spiaggia. Ma la vera meraviglia è rappresentata dalla cinta muraria, realizzata nel XIII e XIV secolo, che continua fino all’antica pieve di S.Ambrogio, la cui facciata è stata inglobata nelle mura stesse. Nelle fortificazioni si trovano alcune porte consentivano l’accesso alla città. Pranzo libero. Nel primo pomeriggio partenza per il rientro. Sosta per ristoro e per la cena libera. Arrivo nelle rispettive destinazione. Fine dei servizi.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 780,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati (6 notti) – Trattamento di mezza pensione dalla cena del 1° Giorno alla prima colazione del 7° giorno – Guida come da programma – Le bevande ai pasti – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – I pranzi e la cena del 7° Giorno – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”.
Supplemento camera singola: € 180,00
DOCUMENTO: Carta di identità valida per l’espatrio e senza timbro di rinnovo
ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO € 20,00


LIGURIA, la Riviera delle Palme – La Riviera dei Fiori. Paesaggi mozzafiato in una regione unica dalle mille attrattive: GENOVA / SANREMO / IMPERIA Finalborgo / Alassio / Cervo / Triora / Principato di Seborga Dolceacqua / Bordighera / Ventimiglia

LIGURIA, la Riviera delle Palme – La Riviera dei Fiori. Paesaggi mozzafiato in una regione unica dalle mille attrattive: GENOVA / SANREMO / IMPERIA Finalborgo / Alassio / Cervo / Triora / Principato di Seborga Dolceacqua / Bordighera / Ventimiglia


7 giorni
24 agosto 2020 – 30 agosto 2020


PROGRAMMA

1° Giorno – PARTENZA / GENOVA / IMPERIA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 00:30: Incontro con il pullman e partenza alla volta di GENOVA. Soste lungo il percorso per ristoro: Arrivo a GENOVA, incontro con la guida e visita. Genova è una città di mare, attiva e solare, intrisa di odori, di suoni, di sentimenti. Sviluppatasi intorno al suo porto, è la città dei pescatori, dei mercanti, è la patria dei genovesi scontrosi ma grandi di cuore. Antica città marinara, mantiene intatto il centro storico più grande d’Europa, nel quale si mescolano le chiese medioevali ed i palazzi rinascimentali. Data la sua peculiarità e unicità al mondo, nel luglio 2006 è entrata a far parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Pranzo libero. Pomeriggio visita all’ACQUARIO: è la più grande esposizione di biodiversità acquatica in Europa: 27 mila metri quadrati, 70 vasche e oltre 12 mila animali di 600 specie diverse sullo sfondo inimitabile del Golfo di Genova. Un viaggio alla scoperta della vita sottomarina tra delfini, squali, pinguini, lamantini, meduse, foche, pesci tropicali e animali antartici attende i visitatori dell’Aquario di Genova. Novità del 2020 è la nuova vasca espositiva dedicata alle Coste del Nord Pacifico che accoglie diverse specie di invertebrati e un ospite speciale: un esemplare di polpo gigante del Pacifico. Il percorso dell’Acquario si articola in tre sezioni: le 40 grandi vasche, riproduzione fedele degli habitat sottomarini, accolgono il visitatore proiettandolo nel mondo affascinante e sconosciuto dell’Acquario di Genova. La visita prosegue con le 4 vasche a cielo aperto del Padiglione Cetacei a firma di Renzo Piano e con le 19 vasche del Padiglione Biodiversità, ospitato all’interno della Nave Italia, vera e propria nave riprogettata e ormeggiata nel Porto Antico. Quest’ultima sezione ospita la grande vasca tattile dove i bambini e tutti i visitatori possono accarezzare le razze. In serata sistemazione in Hotel /zona Imperia, cena e pernottamento.
2° Giorno – IMPERIA / SANREMO
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alla visita di: IMPERIA, o meglio ONEGLIA e PORTO MAURIZIO, i due nuclei ancora perfettamente distinti e separati dal torrente Impero che la costituiscono. Oneglia è il quartiere industriale con il porto mercantile, gli stabilimenti per la produzione di pasta e oleari; nell’oleificio dei Fratelli Carli è allestito il Museo dell’Ulivo dove potrete ammirare oggetti di antiquariato, curiosità, pezzi rari e conoscere la storia, lo sfruttamento ed il commercio dell’olio e dei prodotti derivati. A Porto Maurizio, che si è sviluppato vicino ad una roccaforte romana, si trova un porticciolo turistico ed il quartiere antico di Parasio dove ammirare un fantastico panorama e fastosi edifici nobiliari. Vanta un polo d’attrazione indiscutibile, che è il suo colossale Duomo, di circa 3.000 metri quadri, in stile neoclassico. SANREMO: è la più importante stazione climatica invernale della Riviera di Ponente e una delle più famose d’Europa. E’ una città essenzialmente moderna, un polo turistico di primaria importanza, dotato di un’imponente attrezzatura ricettiva, un importante mercato floricolo e un centro di divertimenti e di manifestazioni di grande richiamo. Si potranno ammirare: la passeggiata Imperatrice, la Chiesa russa, il Casinò (esterno) , la Concattedrale di San Siro ed il quartiere medievale soprannominato “La Pigna”; il teatro Ariston (esterno) e la elegante via Matteotti, il quartiere dei pescatori con Piazza Bresca ed il porto vecchio, ecc.. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

3° Giorno – PRINCIPATO DI SEBORGA / DOLCEACQUA / BORDIGHERA
Prima colazione in Hotel. Guida per l’intera giornata, dedicata alla visita di: PRINCIPATO DI SEBORGA: uno dei “borghi più Belli d’Italia”, il piccolo comune, situato sulle colline della Liguria di Ponente al confine con la Francia, si dichiara, ancora oggi, principato indipendente: ha il suo re, le sue leggi e batte perfino moneta. Per lo stato italiano, ovviamente, tale principato non esiste e non è riconosciuto, eppure girando per le viuzze del paese si respira ancora l’atmosfera del passato: si incontrano le guardie della polizia municipale dotate di pittoresche uniformi e chi lo desidera può richiedere il passaporto o la patente di guida recanti i timbri del principato. DOLCEACQUA è un piccolo borgo medievale affacciato sulla Val Nervia, diviso in due. La zona più antica della cittadina, denominata dagli abitanti del luogo “Terra”, è rappresentata dal Castello di Doria, mentre quella più moderna si trova dalla parte opposta e viene chiamata “Borgo”. Ricco di fascino e tutto da scoprire, questo piccolo borgo medievale è un vero gioiello del ponente ligure. Il Ponte Vecchio è uno dei simboli di Dolceacqua, che hanno reso il borgo immortale e famoso in tutto il mondo. Tutto grazie a Claude Monet, il celebre pittore francese, che lo scelse come soggetto di alcuni dipinti. Guardandolo è facile capire perché l’artista se ne innamorò. Formato da un unico arco a tutto sesto, risale al 1400 ed è un esempio di perfezione architettonica. Da non perdere è il Visionarium, un piccolo cinema unico al mondo, costruito pezzo per pezzo in legno dal suo proprietario, considerato da molti un vero e proprio genio. Assisteremo al viaggio tridimensionale intitolato “Recondite Armonie”, alla scoperta degli angoli più selvaggi della Val Nervia . BORDIGHERA è chic ed elegante come i turisti inglesi che la colonizzarono a fine ‘800. Si percorre la via Romana per ammirare la pineta, i muri coperti di bouganville, i grandiosi alberghi in stile liberty, le lussuose ville. La città vecchia vi accoglie con i suoi carrugi e un’alta concentrazione di ottimi ristoranti. Il Giardino Moreno di Bordighera, che Monet definiva “fantasmagorico” dove «tutte le piante dell’universo sembrano crescervi spontaneamente». Durante quel soggiorno realizzò 38 dipinti, la maggior parte a Bordighera, altri a Sasso, e Vallebona e quattro a Dolceacqua. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

4° Giorno – FINALBORGO / ALASSIO / CERVO
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alle visite. ALASSIO: Scoperta dagli inglesi alla fine dell’Ottocento, Alassio è una città di grande vocazione turistica. Celebre per il suo Muretto: più di 1000 piastrelle colorate con le firme di famosi personaggi , nato dall’incontro di Mario Berrino, titolare del celebre Caffè Roma, ed Hernest Hemingay nel 1953. Passeggiata sul lungomare , con la sua bella spiaggia sabbiosa e le case colorate dei pescatori e lungo il Budello, la stretta via che attraversa il centro con i suoi eleganti negozi e caffè. CERVO: uno dei “borghi più Belli d’Italia”, contraltare alla rumorosa vivacità della costa, su collina digradante dolcemente verso il mare, si raccoglie Cervo. E’ un paese magico, racchiuso dalle mura medievali e custode di un gioiello unico, il castello di Clavesana. Affascinante camminare per il labirinto di vicoli stretti che scendono verso la costa. E visitare la Chiesa di San Giovanni Battista, vero gioiello del barocco ligure, detta “dei Corallini” perché edificata a cavallo tra i secoli XVII e XVIII con i proventi delle compagnie di pescatori. FINALBORGO, uno dei “borghi più Belli d’Italia”, è un gioiello a pochi passi dal mare che incanta con la sua atmosfera d’altri tempi. Il nome deriva da Burgum Finarii, terra di confine (ad fines) ai tempi dei Romani e centro amministrativo del marchesato dei Del Carretto tra il XIV e il XVI sec. Chiuso tra mura medievali ancora ben conservate, intervallate da torri semicircolari e interrotte solo in corrispondenza delle porte, il Borgo di Finale (così detto per distinguerlo dalla Marina) offre subito al visitatore una sensazione di protezione e raccoglimento. L´antica concezione difensiva e comunitaria sopravvive nel reticolato delle vie, disposte perpendicolarmente tra loro a formare scorci affascinanti in spazi contenuti. Percorsi gli stretti vicoli, ogni piazza è una conquista e una sorpresa, in grado di esibire meraviglie nella “pietra del Finale”, l´ardesia che adorna portoni, si modella in colonne, diamanti, ornamenti. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

5° Giorno – TRIORA / TAGGIA
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata. Partenza per la storica VALLE ARGENTINA: da TAGGIA, città medievale che diede il nome alla celebre oliva di qualità «taggiasca» si risale la valle passando per BADALUCCO fino a raggiungere TRIORA, uno dei “borghi più Belli d’Italia”, conosciuta con il temutissimo nome di paese delle streghe. Alla fine del 1500 Triora subì , infatti, uno dei più feroci processi alle streghe in italia. Ma di questa pagina cupa di storia, Triora ne fa un punto di forza : percorrendo Stradine acciottolate, archi e strutture scavate nella roccia, carruggi tipicamente liguri che qui assumono un aspetto tenebroso e spettrale, scalinate che portano a vecchi casolari (anche quelli in cui si riunivano le streghe) e abitazioni abbarbicate sulla roccia si respira un’atmosfera magiga e misteriosa. Visita del Museo etnografico e della stregoneria, del borgo e della piazza della Collegiata, nonchè della casa delle streghe, la celebre Cabotina. TAGGIA, uno dei “borghi più Belli d’Italia”, una città che è un piccolo paradiso dalla doppia anima, con il suo borgo carico di storia e di arte, con il valore aggiunto di Arma di Taggia, che con il suo mare e il suo sole è una stazione balneare con un consistente ‘traffico’ turistico. Taggia è anche la città dell’ardesia, la pietra dalla texture liscia e sottile che orna e praticamente decora gli antichi portali e i festoni con tanto di bassorilievi, in grado i ornare mirabilmente tanti edifici. Si potranno ammirare: il ponte romanico sul torrente Argentina, Piazza della Trinità, la chiesa della Madonna del Canneto, via San Dalmazzo e la Basilica dei Santi Giacomo e Filippo, che conserva all’interno la MADONNA MIRACOLOSA, statua dello scultore taggese Salvatore Revelli, venerata a seguito di un evento ritenuto miracoloso dalla Chiesa cattolica: per 3 giorni , nel marzo 1855, avrebbe ruotato gli occhi davanti ai fedeli. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

6° Giorno – GIARDINI HAMBURY / MENTONE / VENTIMIGLIA
Prima colazione in Hotel. Guida per intera giornata, dedicata alla visita di: GIARDINI HANBURY, la passione naturalistica di una famiglia inglese ha creato, dal 1867, un giardino botanico per l’acclimatazione di piante provenienti dalle più diverse zone del mondo, sfruttando la felice posizione della zona e la particolare dolcezza del clima. Grazie alla collaborazione di botanici, agronomi e paesaggisti in massima parte stranieri, fu creato un grandioso insieme che non trova eguali in Europa sia dal punto di vista botanico, con le 5800 specie di piante ornamentali, officinali e da frutto, che da quello paesaggistico, grazie alla felice armonia compositiva tra edifici, elementi ornamentali e terrazzamenti coltivati. MENTONE: La vera bellezza della città sta nella sua atmosfera, nel suo emanare arte da ogni poro. Mentone è un piccolo centro fatto di vicoli stretti che portano direttamente al mare, dalle facciate ocra delle sue piccole abitazioni, dove il sole filtra attraverso le persiane. Le tegole rosse dei tetti dei campanili, le costruzioni barocche e l’aroma costante di limoni sono altri elementi che contribuiscono a conferire a questo comune un non so che di magico. Conosciuta per i suoi agrumi e per la “festa dei limoni”. Da non lasciarsi scappare a Menton, oltre la parte vecchia della città in stile barocco, sono sicuramente i numerosi giardini che occupano la città. Si va dal più famoso Jardin d’Agrumes du Palais Carnolès con le sue oltre 60 varietà di piante di limoni al più suggestivo e caratteristico Jardin Fontana Rosa, un giardino formato da oggetti completamente realizzati con gli agrumi dai colori vivaci, per finire con il Jardins de Colombières che trae spunto per la sua scenografia dalla mitologia greca. Nel pomeriggio visita di VENTIMIGLIA ALTA, arroccata sullo strategico promontorio del “Cavu”, ricca di monumenti medievali e barocchi: l’insigne cattedrale dell’Assunta, la chiesa romanica di S. Michele con la sua suggestiva cripta, le porte e fortificazioni genovesi del 1529, l’oratorio di S. Secondo. In serata rientro in Hotel, cena e pernottamento.

7° Giorno – GROTTE DI TOIRANO / VARAZZE / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Partenza per le GROTTE DI TOIRANO. Arrivo e visita con guida, alla scoperta di cristalli, grotte e stalattiti. Un viaggio nella profondità della terra sulle tracce di orsi delle caverne e uomini preistorici. Meravigliosi cristalli e stalattiti spettacolari fanno da scenografia al percorso che si snoda per circa 1300 metri sotterranei dalla Grotta della Bàsura alla Grotta di Santa Lucia Inferiore: un vero viaggio sulle tracce di orsi delle caverne e uomini preistorici. Il percorso inizia dalla Grotta della Bàsura, la più spettacolare di tutte. Qui trovò rifugio per millenni l’orso delle caverne: sono stati rinvenuti resti di ossa, impronte di zampe e unghiate sulle pareti, oltre a impronte di piedi, mani e ginocchia impresse nell’argilla da uomini preistorici vissuti in quei luoghi circa 12.000-12.500 anni fa. Si passa davanti alla stalagmite chiamata Torre di Pisa ed è facile capirne il motivo vista la forma a colonna leggermente inclinata su un lato, si attraversa il Salotto della Strega, la Sala del Fascio e il Corridoio delle Impronte per arrivare a un laghetto sotterraneo popolato da crostacei ciechi. Dopo la colata d’alabastro a canne detta l’Organo, si visita il Cimitero degli orsi e la Sala dei Misteri. Vi sembrerà realmente che la macchina del tempo vi abbia riportato all’età della Pietra. Proseguimento per VARAZZE. Arrivo e passeggiata libera. Il centro storico di Varazze, per la sovrapposizione di stili ed epoche diverse, è uno tra i più belli e caratteristici borghi della Riviera Ligure, caratterizzato da case colorate e dalla vicinanza alla spiaggia. Ma la vera meraviglia è rappresentata dalla cinta muraria, realizzata nel XIII e XIV secolo, che continua fino all’antica pieve di S.Ambrogio, la cui facciata è stata inglobata nelle mura stesse. Nelle fortificazioni si trovano alcune porte consentivano l’accesso alla città. Pranzo libero. Nel primo pomeriggio partenza per il rientro. Sosta per ristoro e per la cena libera. Arrivo nelle rispettive destinazione. Fine dei servizi.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 780,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati (6 notti) – Trattamento di mezza pensione dalla cena del 1° Giorno alla prima colazione del 7° giorno – Guida come da programma – Le bevande ai pasti – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – I pranzi e la cena del 7° Giorno – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”.
Supplemento camera singola: € 180,00
DOCUMENTO: Carta di identità valida per l’espatrio e senza timbro di rinnovo
ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO € 20,00