Tutti gli articoli di agenzia viaggi

ZANZIBAR -partenza di gruppo 20/28 novembre

 

                                         Zanzibar

                          da Roma 20 – 28 novembre 

                              Eden village Kendwa Beach ResortDag-12-Locatie-Oostkust-rondreis-Tanzania-Around-The-World-Travel[1]DKVro0zWAAUuyjh[1]vacanze-kiwengwa[1]it-zanzibar-hotel-eden-village-kendwa-beach-resort-4-stelle-516cc[1]

Noi siamo pronti per un nuovo viaggio di gruppo, partenza 20 novembre da Roma.
Quest’anno abbiamo scelto una meta che conosciamo bene, con soggiorno presso il Kendwa Beach Resort, è un Eden Village Premium.
Si tratta di un incantevole villaggio immerso in un rigoglioso giardino tropicale che si affaccia direttamente sulla meravigliosa spiaggia di Kendwa, rinomata per la sua sabbia fine e bianchissima e per i suoi tramonti dalle tinte strabilianti, lambita dal mare più bello dell’isola.
Chiunque fosse interessato, è pregato di contattarci al seguente numero 0734991918.

ROMA – CITTA’ DEL VATICANO. Musei Vaticani e Cappella Sistina. La Basilica di San Pietro e Castel Sant’Angelo

ROMA – CITTA’ DEL VATICANO. Musei Vaticani e Cappella Sistina. La Basilica di San Pietro e Castel Sant’Angelo


1 GIORNO
30 giugno 2019


PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 03,00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di ROMA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo ed incontro con la guida che seguirà il gruppo per tutta la giornata. Il cuore delle visite sarà il territorio della CITTA’ DEL VATICANO: una piccolissima enclave nel territorio della Repubblica Italiana. Parte integrante del tessuto urbanistico di Roma, essa è uno dei luoghi più visitati al mondo: accoglie infatti, al suo interno, il grande complesso dei Musei Vaticani, la Basilica di San Pietro con la superba piazza antistante, la residenza papale, i Giardini Vaticani e molto altro ancora. In mattinata visita dei Musei Vaticani e della Cappella Sistina. Negli indimenticabili ambienti che ospitano le numerose sezioni dei Musei Vaticani, costituitisi per volontà dei papi degli ultimi cinque secoli, si possono ammirare le opere dei più grandi artisti di tutti i tempi:.La Pinacoteca è un’eccezionale raccolta di dipinti di Giotto, Leonardo, Raffaello, Caravaggio… per non citarne che alcuni!. All’arte classica sono dedicate intere sezioni, quale quella Etrusco-Gregoriana, quella Pio-Clementina: una sosta nel Cortile del Belvedere consente di ammirare capolavori come il “Laocoonte”, l’Apollo del Belvedere”, il “Perseo” di Canova; la Sala Rotonda offre una splendida panoramica sulla scultura romana, così come la Galleria dei Candelabri. Le Gallerie degli Arazzi e quella delle Carte Geografiche conducono il visitatore verso il capolavoro michelangiolesco per eccellenza, la Cappella Sistina, quella in cui, da secoli, si riunisce il Conclave per l’elezione di un nuovo papa.. L’immane volta con le scene della Genesi, realizzata dal grande Maestro agli inizi dei Cinquecento in soli quattro anni e senza aiuti di bottega, è il primo atto dell’Umanità, mentre la parete di fondo, databile al periodo 1536-1540, ne è il tragico epilogo. Piazza San Pietro, meraviglioso spazio barocco, concepito dal Bernini come abbraccio della Chiesa ai suoi fedeli, accoglie ogni giorno i migliaia di visitatori che varcano la soglia della Basilica di San Pietro. Anch’essa realizzata da Michelangelo, si impone per le sue dimensioni, nonché per la ricchezza del suo interno. Basti pensare all’enorme cupola e al sottostante Baldacchino che cela, alla base, la tomba dell’Apostolo Pietro; alla “Gloria” del Bernini; alla “Pietà” giovanile del Buonarroti nella prima cappella a destra, entrando in basilica. Nel pomeriggio visita di Castel Sant’Angelo. Realizzato dall’architetto Demetriano nei primi decenni del 2° sec. d.C. per ordine dell’imperatore Adriano, esso era destinato ad accogliere le tombe dei membri della famiglia imperiale. Per accedervi Adriano fece costruire l’antistante ponte Elio, detto poi Ponte Sant’Angelo. Nel corso dei secoli l’enorme struttura del mausoleo cambiò più volte destinazione, divenendo fortezza, prigione e residenza papale e si arricchì pertanto di sontuose sale affrescate. Splendida la visuale sulla città dalla terrazza posta a coronamento dell’edificio. Alle ore 18.30 circa, inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 68,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Guida per tutte le visite, come da programma – Auricolare per Musei Vaticani – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita (ai Musei Vaticani ultima domenica del mese ingresso gratuito) – I pasti – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NELLA REGGIA DEI BORBONI DI CARDITELLO … tra i segreti del “cardetum”. Capua e il suo anfiteatro: il “GLADIATORE” campano. FESTA DEI GIGLI DI NOLA, Patrimonio orale ed immateriale UNESCO

NELLA REGGIA DEI BORBONI DI CARDITELLO … tra i segreti del “cardetum”. Capua e il suo anfiteatro: il “GLADIATORE” campano. FESTA DEI GIGLI DI NOLA, Patrimonio orale ed immateriale UNESCO


1 GIORNO
30 giugno 2019


DESCRIZIONEREGGIA DI CARDITELLO: La Reale Tenuta di Carditello trae nome dal “cardetum”, ovvero l’ampia distesa di cardi selvatici che in passato cingeva la reggia in un abbraccio spinoso, una vera e propria barriera che scoraggiava chiunque volesse inoltrarsi a piedi o a cavallo. In questo lembo di campagna circondato da paludi si estendeva una dinamica azienda agricola, all’avanguardia come ogni impianto produttivo borbonico, destinata all’allevamento di pregiate razze equine, otre che alla produzione e vendita di ortaggi e deliziosi latticini. Al centro di tutto l’imponente Reggia di Carditello, un elegante complesso architettonico di stile neoclassico. In origine la reggia ospitava Carlo di Borbone durante le sue memorabili battute di caccia; fu Ferdinando IV a disporre la destinazione di fattoria-modello per la coltivazione del grano e l’allevamento di razze scelte: un sogno lussureggiante di boschi, pascoli e terreni seminativi a coprire una superficie di 6.305 “moggia capuane” (oltre duemila ettari). Non a caso, tra le residenze borboniche campane Carditello si fregiava del titolo di “Reale Delizia”, poiché concepita per unire l’utile al dilettevole, come diremmo oggi.
L’ANFITEATRO di CAPUA: Santa Maria Capua Vetere è un importante itinerario culturale della provincia di Caserta. Questo sito conserva molti monumenti dell’antica Capua, tra i quali il famoso Anfiteatro. Secondo Cicerone, addirittura, Capua era la più grande città d’Italia nel IV secolo a.C. L’Anfiteatro Campano, altresì detto Anfiteatro Capuano è l’anfiteatro romano più grande di Italia, dopo il Colosseo e, con ogni probabilità, più antico di questi, quasi da fungere come modello per la sua costruzione. Come vuole la tradizione di ogni anfiteatro, nacque per gli spettacoli gladiatori, di conseguenza, la sua struttura appare molto simile al prototipo classico di arena. Tutta l’Italia ammirava e assisteva ai combattimenti dei gladiatori di Capua. Pare, secondo gli studiosi, che fosse anche il luogo d’origine della rivolta dei gladiatori capeggiati da Spartaco, nel 73 a.c. la rivolta che per due anni tenne sotto scacco Roma prima del triumvirato. Purtroppo, oggi resta poco della meraviglia di cui era costituito l’anfiteatro
FESTA DEI GIGLI DI NOLA: Una festa dalle origini antichissime. Magica, affascinante, capace di trascinare il più mite spettatore ad un entusiasmo giovanile: è la Festa dei Gigli di Nola. Una kermesse che si tiene ogni anno in Città per celebrare il ritorno di San Paolino dalla prigionia ad opera dei barbari avvenuto nel 410, come narra la leggenda. Un mese di festeggiamenti con un ricco programma di iniziative che culmina il 30 giugno con la tradizionale ballata dei Gigli e della Barca e la successiva processione per le vie della città. L’ordine di sfilata è canonizzato sa secoli: Ortolano, Salumiere, Bettoliere, Panettiere, Barca, Beccaio, Calzolaio, Fabbro, Sarto. Si tratta di uno spettacolo unico al mondo dove macchine secolari (9) , alte ben 25 metri con un peso di 40 quintali, danzano “sospese in aria” sorrette solo dalla forza umana dei cullatori, muovendosi a ritmo di musica (con canzoni d’occasione inedite o tratte dalla tradizione musicale nazionale/partenopea. Sopra ogni obelisco si trova un’orchestra completa con due cantanti), tra strade anguste che si alternano a slarghi e piazze.
PROGRAMMA

PROGRAMMA:
Appuntamento dei partecipanti alle ore 02:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di SAN TAMMARO (CASERTA). Arrivo, ingresso e visita guidata alla Reggia di Carditello. Trasferimento e visita all’Anfiteatro Romano di Capua. Pranzo libero. Trasferimento a NOLA per partecipare alla FESTA DEI GIGLI ed assistere alla famosa sfilata. Al termine partenza per il rientro. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 68,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Ingresso e guida per la visita della Reggia di Carditello – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Altri ingressi – I pasti – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”


PROCIDA… incantevole set cinematografico. Alla scoperta dell’isola

PROCIDA… incantevole set cinematografico. Alla scoperta dell’isola

1 GIORNO
30 giugno 2019


DESCRIZIONEL’isola di Procida è suggestiva, antica ed accattivante….di origine vulcanica, ha coste frastagliate e scoscese, con un mare limpido e splendente, le belle rocce costiere, le caratteristiche abitazioni rivierasche disegnano inquadrature paesaggistici di rara bellezza. Procida esprime tutto il sapore della natura mediterranea, la tradizione della pesca, l’amore profondo per le cose semplici come le stradine che si snodano tra piccoli ed improvvisi squarci panoramici sul mare, le piazzette e le ripide scale in un continuo saliscendi. Ad accogliervi, al vostro approdo, ci saranno i colori accesi delle case che si affacciano sulla baia della Chiaia, le spiagge paradisiache, gli isolotti e gli scogli che rendono unica questa selvaggia isola. Il cuore dell’isola è Terra Murata, la cittadella fortificata che si trova nel punto più alto dell’isola. È una vera e propria fortezza costruita a scopo difensivo sul punto più alto di Procida. A dominare la vista è il Castello d’Avalos, che si raggiunge percorrendo stradine in salita, strette e ripide. Ai piedi di Terra Murata, si trovano i vicoletti di Casale Vascello, l’antico borgo fortificato, la zona più autentica dell’isola: casette color pastello addossate le une alle altre come a impedire il passaggio dei nemici, cortili, balconi e un fascino che ricorda il mondo arabo. Nel tempo, Procida è stata scelta come set cinematografico per un grande numero di film, soprattutto per i suoi panorami e la sua architettura tipica mediterranea: tra questi si possono citare, come esempi, Il postino, con Philippe Noiret e Massimo Troisi, e Il talento di Mr. Ripley, con Matt Damon. Il Castello D’Avalos fornisce invece l’ambientazione per il carcere del film drammatico Detenuto in attesa di giudizio, con Alberto Sordi.
PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 02:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di POZZUOLI. Arrivo, e trasferimento al porto e partenza in traghetto per PROCIDA. Incontro con la guida ed i pullmini e visita dell’isola. Visite: Torre Murata, sorge sul promontorio più alto dell’isola a 90 metri d’altezza, ed è il nucleo storico di Procida, il vecchio “cuore” dell’isola, il centro abitativo più antico ed unico rifugio sicuro per gli isolani durante secoli di incertezze politiche. Oltre le due maestose porte d’ingresso, la Terra Murata premia il visitatore con la sua atmosfera medievale, vicoli strettissimi e le tipiche casette popolari, una brezza che spesso soffia qui sopra e alleggerisce i mesi caldi e – naturalmente – con una vista straordinaria su tutto il Golfo di Napoli; l’imponente Abbazia di San Michele Arcangelo, ad un’altezza di 90 metri a picco sul mare. fu costruita dai benedettini e, nella seconda metà del XV secolo. L’interno della chiesa accoglie tre navate di cui quella centrale è coperta da un soffitto a cassettoni in legno ed oro zecchino con al centro il dipinto raffigurante San Michele che sconfigge Satana, realizzato nel XVII secolo. Il Castello, costruito a picco sul mare da Innico d’Avalos d’Aragona per far fronte alla continue incursione saracena; la “Corricella”, il porto dei pescatori e location de IL POSTINO con Massimo Troisi, è uno degli insediamenti più antichi dell’isola, l’impressione che la Corricella dà è amabile, allegra (la parola “Corricella” viene dal greco “kora calè” – quartiere bello), le sue case colorate e terrazzi sono quasi sempre soleggiati; la Marina Grande, il porto principale di Procida, mostra a prima vista, quando ci si è ancora sul traghetto, i gioielli dell’architettura procidana che il visitatore potrà ammirare poi in numerose variazioni nelle altre Marine e nel centro storico: le case in pastello che si fiancheggiano, il “vefio” (la tipica apertura ad ampio arco), le scale esterne, i terrazzi ed i balconi; ecc.. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, rientro in traghetto a POZZUOLI. Sbarco e partenza per il rientro. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 115,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Traghetto Pozzuoli / Procida / Pozzuoli – Guida intera giornata – Taxi per giro isola – Pranzo in ristorante, base pesce, bevande incluse – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – La cena – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


ISOLA D’ELBA… è una scoperta continua!

ISOLA D’ELBA… è una scoperta continua!


2 GIORNI
29 giugno 2019 – 30 giugno 2019


DESCRIZIONESe fantastichiamo un lembo di terra dove approdare dopo un’entusiasmante navigazione nel Mediterraneo, non ci sono dubbi: il nostro approdo prediletto è senz’altro l’isola ‘Elba. Spiagge di sabbia finissima, scogliere a picco sul mare, acque trasparenti, fondali ricchi di pesci. Ma anche sentieri di montagna, boschi di querce e di castagni, borghi medioevali, alberghi moderni, centri turistici attrezzati e scuole di vela condotte da vecchi lupi di mare. Qui si sono rispettate le bellezze che la natura ha elargito a 147 chilometri di costa tirrenica, vicinissima alla Toscana. Ed i risultati della tutela rigorosa dell’ambiente si vedono: all’Elba la natura è ancora protagonista incontrastata, dominatrice assoluta del paesaggio. L’isola è una scoperta continua: il mare cambia colori ad ogni insenatura. A sud si infrange su bianche scogliere o aggredisce ampi arenili, a nord si insinua negli anfratti degli alti dirupi o lambisce discrete spiagge di ghiaia. In pochi minuti, poi, si passa dal massiccio granitica del Monte Capanne, regno dei mufloni e delle capre selvatiche, alle zone minerarie del versante orientale, vero “eldorado” degli scienziati e degli appassionati di geologia. Cinquanta spiagge e innumerevoli calette di sabbia dorata e di candida ghiaia sempre pronte ad offrirti un angolo di tranquillità in qualsiasi stagione. Questa è l’Elba: un’isola dal mare smeraldo, dai venti dolci e suadenti, dai boschi verdi e colorati, dalla gente calda e ospitale. Scrigno di minerali preziosi, ti rende subito partecipe della sua storia millenaria e della sua natura incontaminata.
PROGRAMMA29/06/2019- PARTENZA / PIOMBINO / PORTOFERRAIO
Appuntamento dei partecipanti alle ore 03:00, incontro con il pullman e partenza alla volta di PIOMBINO. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo, imbarco e alle ore 08:10 partenza per l’ISOLA D’ELBA. Sbarco dopo circa 1 ora di navigazione, incontro con la guida e visita. Intera giornata. Breve sosta sul piazzale panoramico delle “Grotte” per ammirare la splendida veduta di Portoferraio. A PORTO AZZURRO visita della collezione di minerali e pietre dure. Visita della costa occidentale con il seguente percorso: PROCCHIO, MARCIANA MARINA piccolo e graziosissimo porto turistico, MARCIANA a 370 metri sul livello del mare, circondata da boschi di castagni e lecci, offre un’indimenticabile vista sulla sottostante vallata. Si prosegue passando per S. ANDREA, POMONTE in mezzo ai vigneti a terrazza degradanti verso il mare, CAVOLI fino a MARINA DI CAMPO. Questo è oggi il centro balneare più frequentato dell’isola, grazie alla sua lunga e bianchissima spiaggia. Pranzo in ristorante. In serata sistemazione in Hotel, cena e pernottamento.

30/06/2019 – PORTOFERRAIO / PIOMBINO / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Mattinata dedicata alla visita, con guida, di: la villa Napoleonica di S. Martino, residenza estiva dell’imperatore in esilio, situata sull’omonima verde vallata. PORTOFERRAIO: la parte vecchia con le sue viuzze in salita dove sembra che il tempo si sia fermato; la Palazzina dei Mulini, residenza invernale e più importante di Napoleone; anche le Fortezze costruite nel 1548 da Cosimo de’ Medici valgono una visita, non solo per ammirare l’imponenza e la grandiosità, ma anche la splendida vista della città. Proseguimento per la visita della Chiesa della Misericordia, l’Orto Botanico, il Giardino dell’Ottone, le Terme di “San Giovanni” con l’erboristeria, importante per la produzione esclusiva di decotti ed estratti di alghe e piante marine. Rientro in Hotel per il pranzo. Trasferimento al Porto e alle ore 15:30, imbarco e partenza per PIOMBINO. Arrivo, dopo circa 1 ora di navigazione, sbarco e proseguimento del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 230,00
Supplemento singola €. 20,00
LA QUOTA COMPRENDE: – Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa dal pranzo del 29/06 al pranzo del 30/06 – Le bevande ai pasti – Guida per 1 intera giornata + mezza giornata – Passaggio marittimo Piombino/Portoferraio A/R.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – la cena del 30/06 – tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.