Archivi categoria: Tours in Pullman

MINICROCIERA ALLE ISOLE di GIGLIO E GIANNUTRI “le piccole perle del Mediterraneo”

MINICROCIERA ALLE ISOLE di GIGLIO E GIANNUTRI “le piccole perle del Mediterraneo”


1 giorno – domenica
10 giugno 2018


DESCRIZIONESette isole principali, sette perle riemerse della collana che, come narra la leggenda, Venere perse nuotando nelle acque limpide del Mediterraneo. Come le perle di una collana, ogni isola è diversa dall’altra. Ogni isola conserva le tracce della sua storia, ogni isola è unica, originale, con un solo tratto in comune: la bellezza della sua natura. E la catena che unisce questi gioielli è il mare, un mare caldo ed accogliente con le sue calme piatte, ma anche imprevedibile con le sue tempeste come solo il Mediterraneo sa essere. Il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, il più grande parco marino d’Europa, tutela 61.474 ettari di mare e 17.694 ettari di terra ed è composto dalle sette isole maggiori (Elba, Giglio, Capraia, Montecristo, Pianosa, Giannutri e Gorgona) e da isolotti minori. Le prime riserve naturali dell’arcipelago toscano risalgono al 1971 (Montecristo) ma solo nel 1996 fu istituito il parco nazionale dell’arcipelago. Dinnanzi al promontorio di Monte Argentario, sorge la più meridionale delle isole dell’arcipelago toscano: l’isola di GIANNUTRI con la sua forma inconfondibile di una mezzaluna. Dista 23 chilometri da Porto Ercole, il suo punto più elevato è Monte Mario 83 metri sul livello del mare; ha una superficie di 260 ettari e uno sviluppo costiero di 11 chilometri. All’avvicinarsi, dà subito l’impressione di essere uscita dal mondo mitologico degli antichi navigatori mediterranei. La costa, fra scogli levigati a picco sul mare, è aperta dalle insenature di Golfo Spalmatoi e Cala Maestra, unici punti di attracco permessi. Chiamata Artemisia dai Greci e Diana dai Romani, per la sua forma ad arco, oggetto preferito dalle divinità, l’isola conserva ancora oggi intatto il suo fascino storico e ambientalistico. Nonostante le ville che spuntano tra Cala Maestra e Cala dello Spalmatoio (l’isola è di proprietà privata), la bassa macchia mediterranea regna ancora con i suoi colori e profumi. Meta di passo per una miriade di uccelli che raggiungono l’Europa per nidificare, è la terra d’elezione per il rondone pallido ed è colonizzata sulle coste dai numeriosi gabbiani reali. La natura calcarea e l’eccezionale trasparenza dell’acqua, la straordinaria diversità biologica e la presenza di relitti, rendono unici questi fondali, richiamando ogni anno migliaia di subacquei. Il GIGLIO è rinomato per il meraviglioso ambiente marino, infatti sono proprio il mare limpidissimo e i fondali il fiore all’occhiello dell’isola. Nel mondo sottomarino sono presenti numerose specie di murene, aragoste, cernie e giganteschi tonni. In primavera e in estate non è raro inoltre osservare il passaggio di capodogli e balenottere o scorgere lo spettacolo dei delfini che si divertono a seguire le rotte delle imbarcazioni.
PROGRAMMA

Appuntamento dei partecipanti alle ore 03:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di PORTO SANTO STEFANO. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo ed alle ore 09:55 imbarco sul battello per una minicrociera alle ISOLE DEL GIGLIO e GIANNUTRI. Costeggiando il promontorio, si naviga verso Giannutri che si raggiunge dopo circa un’ora di navigazione. Sosta con tempo libero a disposizione e possibilità di bagno nelle incantevoli acque dell’isola. Pranzo a bordo, cucinato espresso e servito ai tavoli in vassoi, con bevande incluse. Partenza per l’isola del Giglio e attracco a Giglio Porto, con possibilità di bagno nelle vicine spiagge, passeggiata a Giglio Porto: unico Porto dell’isola, piccolo e pittoresco, dalle case multicolori ed il mare di una limpidezza impensabile per un porto riesce a conciliare, le esigenze commerciali con quelle turistiche. Costruito per la prima volta dai Romani, rimase tale per circa 18 secoli, poi ampliato nel 1796, e nel 1979 in seguito ad una mareggiata eccezionale. Sulla sua sinistra si trova la Torre del Saraceno costruita nel 1596 per volere di Ferdinando I di Toscana, e poco oltre, La Caletta del Saraceno, dove, a pelo d’acqua, si distinguono bene, le mura della cetaria per l’allevamento delle murene e parte dell’imponente Villa Romana (I-II sec. d.C.) dei Domizi Enobarbi, i cui resti sono stati, in passato, in gran parte inglobati nel centro abitato. Rientro a Porto Santo Stefano per le ore 18:30 circa. Tutti gli orari di rientro a bordo, saranno comunicati dal Comandante. Rientro a Porto Santo Stefano. Inizio del viaggio di ritorno. Sosta lungo il percorso per la cena libera Arrivo.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 105,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Minicrociera in battello – Pranzo a bordo con menù di pesce (risotto alla pescatora, frittura calamari e gamberi, dolce, acqua e vino) – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei luoghi di visita – La cena – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

FORLI’ e la Mostra “L’ETERNO E IL TEMPO TRA MICHELANGELO E CARAVAGGIO / BERTINORO, balcone della Romagna

FORLI’ e la Mostra “L’ETERNO E IL TEMPO TRA MICHELANGELO E CARAVAGGIO / BERTINORO, balcone della Romagna


1 girono – domenica
10 giugno 2018


PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 06:30. incontro con il pullman e partenza alla volta di FORLI’. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo, alle ore 10:30 + 10:50 ingresso ai Musei San Domenico e visita con guida alla mostra “L’ETERNO E IL TEMPO TRA MICHELANGELO E CARAVAGGIO”. La mostra documenta quello che è stato uno dei momenti più alti e affascinanti della storia occidentale. Gli anni che idealmente intercorrono tra il Sacco di Roma (1527) e la morte di Caravaggio (1610); tra l’avvio della Riforma protestante (1517-1520) e il Concilio di Trento (1545-1563); tra il Giudizio universale di Michelangelo (1541) e il Sidereus Nuncius di Galileo (1610) rappresentano l’avvio della nostra modernità. Ad essere protagonisti al San Domenico saranno il dramma e il fascino di un secolo che vide convivere gli inquietanti spasimi di un superbo tramonto, quello del Rinascimento, e il procedere di un nuovo e luministico orizzonte, con grandi capolavori del Manierismo. L’istanza alla Chiesa di Roma di un maggiore rigore spirituale, se da un lato produceva una rinnovata difesa delle immagini sacre (soprattutto ad opera della ignaziana Compagnia di Gesù), dall’altro imponeva una diversa attenzione alla composizione e alla raffigurazione delle immagini, nonché a una ridefinizione dello spazio sacro e dei suoi ornamenti. Si sviluppano così scuole e orientamenti nuovi. Dal tentativo di dare vita a «un’arte senza tempo» di Valeriano e Pulzone, nell’ambiente romano, agli esiti del modellato cromatico di Tiziano, al naturalismo dei Carracci, con quel loro «affettuoso timbro lombardo», come lo chiama Longhi. Ma è anche la vita quotidiana che si affranca dai bagliori dell’estremo Rinascimento. Si avverte una “temperatura sentimentale” che pare interpretare il nuovo senso del Concilio tridentino che deve parlare a tutti i cuori creando una nuova forma di pietà e di devozione, con l’esaltazione della figura mariana, dei primi martiri e dei nuovi santi. Francesco d’Assisi fra tutti. In Italia la battaglia più impegnativa per il dipingere e per il vivere moderno si combatte nella pittura di commissione sacra. Il protagonista di questa lotta è soprattutto Caravaggio. Egli tenta una innovazione radicale del suo significato religioso come fatto di religione profondamente popolare. Tra l’ultimo Michelangelo a Caravaggio, passando attraverso Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Parmigianino, Daniele da Volterra, El Greco, Pellegrino Tibaldi, i Carracci, Federico Barocci, Veronese, Tiziano, Federico Zuccari, Cavalier d’Arpino, Giuseppe Valeriano e Scipione Pulzone, s’addipana un filo estetico di rimandi e innovazioni che darà vita a una età nuova. Comprese le forme alternative di Rubens e Guido Reni. Come questa grandiosa mostra compiutamente racconta. Pranzo libero. Visita di FORLI’ con guida. Nel suo centro storico sono facilmente riconoscibili i due assi viari principali di origine romana, suddivisi nei quattro principali corsi (Mazzini, Garibaldi, Diaz e della Repubblica) che convergono in Piazza Saffi. Qui si possono vedere alcuni fra i monumenti più rappresentativi delle varie epoche della città. La basilica romanica di San Mercuriale con il suo campanile del XII secolo, è il simbolo della città; annesso alla chiesa è il quattrocentesco Chiostro rettangolare, al centro si può vedere un pozzo del XVII secolo; il Palazzo Comunale, risalente al XIV secolo e rimaneggiato più volte con la Torre dell’Orologio; il Palazzo del Podestà, del 1460, è stato costruito in stile gotico sotto la direzione del capomastro Matteo di Riceputo, zio del Melozzo, sulle rovine del precedente edificio; ecc. Trasferimento a BERTINORO e visita con guida. È un borgo di origine medievale situato su una collina da cui si gode di un magnifico panorama sul mare a sulla pianura romagnola. Per questo motivo è conosciuto come “Il Balcone della Romagna” oltre a essere la “Città del Vino” e la “Città dell’ospitalità”. Percorrendo le vie acciottolate del borgo, fra palazzi storici, chiese, abitazioni e i sentieri che costeggiano i resti dell’antica cinta muraria, si respira un’atmosfera di stampo medievale. Il cuore medievale di Bertinoro si identifica con Palazzo Ordelaffi, antico palazzo municipale risalente al 1306; Situata in Piazza della Libertà è la Torre dell’Orologio che, in passato, grazie alla sua notevole altezza, fungeva da faro per i naviganti. La cattedrale, dedicata a Santa Caterina di Alessandria patrona del borgo, è situata sempre nella piazza principale, e fu edificata alla fine del sec. XVI e ultimata nel 1601. Da non perdere è inoltre la Rocca: costruita prima dell’anno Mille, nel 1302 ospitò persino Dante Alighieri, come ricorda Carducci nella sua ode “La Chiesa di Polenta”. Dal 1994 è sede del Centro Residenziale Universitario di Alta formazione e Ricerca di Bertinoro . Alle ore 19,00 partenza per il rientro. Sosta lungo il percorso per il ristoro e la cena libera. Arrivo. FINE DEI SERVIZI.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax) € 75,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman G.T. – Guida per la visita della Mostra – Biglietto di ingresso alla Mostra – Guida per la visita di Forlì e Bertinoro – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – I pasti – Tutto quanto non specificato alla voce “La quota comprende”
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni

NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

I CASTELLI ROMANI: ARICCIA, Palazzo Chigi / NEMI “domicilio delle Muse e delle Ninfe” / L’INFIORATA A GENZANO

I CASTELLI ROMANI: ARICCIA, Palazzo Chigi / NEMI “domicilio delle Muse e delle Ninfe” / L’INFIORATA A GENZANO


1 giorno – domenica
10 giugno 2018


PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 05:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di dei CASTELLI ROMANI. Si attraverserà un’amenissima zona a cocuzzoli d’origine vulcanica coperti di boschi e vigneti, punteggiati di ridenti cittadine e antiche ville, in mezzo ai quali occhieggiano, al fondo di antichi crateri, due bellissimi laghi. Arrivo a GENZANO e mattinata a disposizione per partecipare alle manifestazioni dell’INFIORATA che qui si svolge da circa due secoli ed è vanto e orgoglio degli artisti genzanesi che, per la realizzazione di essa, si valgono delle rigogliose culture floreali del luogo. La via in salita che porta al Duomo, viene totalmente ricoperta da un meraviglioso tappeto floreale che, in pannelli di sorprendente perfezione artistica, riproduce opere d’arte famose, tappeti elaborati ed opere di pittori celebri. L’Infiorata è nata come sentimento di fede è diventata dal 1778, per mezzo dei fratelli Arcangelo e Nicola Leofreddi, la manifestazione d’arte più suggestiva, nota in tutto il mondo. L’Infiorata è gloria di fiori e di colori, che in poche ore prendono forma e suscitano grandi emozioni. Nel tempo è diventata per così dire una festa europea stante la sua celebrità, che attrae numerosi ammiratori del gusto dei genzanesi nell’adornare i piani delle strade con lavori di fiori d’ogni colore, disposti a disegno ciò fanno con celerità e facilità, ricoprendo la via con questi naturali tappeti ed arazzi estemporanei. Pomeriggio visita con guida di ARICCIA: l’origine di questo paese deriva dal fatto che nei secoli passati, come molte famiglie nobiliari del tempo, i principi Chigi si fecero costruire come dimora di campagna e villeggiatura una villa non troppo lontana dal loro palazzo urbano; attorno a questa residenza estiva si formarono poi dei borghi che divennero sempre più popolati. Arroccato presso una delle estremità del monumentale ponte di Ariccia, il Palazzo costituisce un esempio unico di dimora barocca basato su un’idea progettuale di Gian Lorenzo Bernini, che si servì della collaborazione del suo giovane allievo Carlo Fontana. Rimasto inalterato nel suo contesto ambientale e nel suo arredamento originario, documenta il fasto di una delle più grandi casate papali italiane: i Chigi, già proprietari dell’omonimo palazzo romano, oggi sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Iniziato nella seconda metà del sedicesimo secolo dalla famiglia dei Savelli, il palazzo fu trasformato su commissione dei Chigi in una fastosa dimora barocca tra il 1664 e il 1672. Il palazzo vanta un’importante collezione di dipinti, sculture ed arredi, risalenti prevalentemente al XVII secolo, e provenienti anche da altre dimore di famiglia, tra cui lo stesso palazzo di Roma, venduto allo stato nel 1918. NEMI, “Domicilio delle Muse e delle Ninfe” disse Pio II del borgo, alto sul lago di cupo azzurro; nota fin dall’antichità per il suo splendido lago sulle cui sponde si venerava Diana Nemorense, dea della caccia. Scendendo dal paese al lago, si raggiunge il museo delle Navi Romane, dove sono conservati i modelli e i pochi resti delle famose navi che l’imperatore Caligola utilizzava per le feste e le cerimonie in onore della dea. In paese notevole Palazzo Ruspoli, costruzione medioevale edificata dai Conti di Tuscolo; è uno tra i più belli del territorio, circondato da uno splendido giardino pensile e arricchito all’interno da magnifici affreschi che ne decorano le sale. Verso le ore 19.00 inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax) € 60,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Guida per il pomeriggio – Capogruppo

LA QUOTA NON COMPRENDE: I pasti – Gli ingressi nei luoghi di visita – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

CIVIDALE e GORIZIA, custodi di una storia senza tempo / Con il treno storico a vapore da Nova Gorica a Bled / IL LAGO DI BLED

CIVIDALE e GORIZIA, custodi di una storia senza tempo / Con il treno storico a vapore da Nova Gorica a Bled / IL LAGO DI BLED


2 giorni
16 giugno 2018 – 17 giugno 2018


PROGRAMMA16/06/2018 – PARTENZA / CIVIDALE DEL FRIULI / AQUILEIA / GORIZIA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 05,00. Incontro con il pullman e partenza alla volta del Friuli. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo, incontro con la guida e visita. CIVIDALE DEL FRIULI: è sito storico e artistico di forte carattere e rilievo, specie per le vestigia dell’epoca longobarda. Visite: il Tempietto Longobardo, edificato nei secoli VIII-IX d.C., è uno dei capolavori dell’arte longobarda e che conserva al suo interno importantissime opere d’arte, tra cui la bellissima decorazione a stucco rappresentante Sei Sante; il Duomo di santa Maria Assunta, eretto nel XVI secolo sui resti di un preesistente edificio religioso, che vanta tra i suoi tesori due pale d’altare di Palma il Giovane (XVI secolo) e la famosa Pala d’argento di Pellegrino II, capolavoro dell’oreficeria medievale; il Battistero di Callisto, un’ edicola ottagonale, ornata da bellissime decorazioni scolpite, risalente alla metà dell’ VIII secolo; l’Ara di Ratchis, dedicata all’omonimo re dei Longobardi, nonchè duca di Cividale:l’Ipogeo Celtico, interamente scavato nel sottosuolo, di cui però si ignora la funzione originaria; il Ponte del Diavolo, simbolo della città, che la tradizione vuole sia stato costruito in una sola notte dal Diavolo, il quale aveva fatto un patto con i cividalesi. GORIZIA: moderna città di origini medioevali e crocevia di culture diverse, allo sbocco dell’Isonzo nella pianura friulana, fra monti che furono teatro di aspre battaglie nella guerra 1915-18. Si potranno ammirare: Piazza della Vittoria, si apre vasta al centro della città; il Duomo, costruito in momenti successivi, ad una cappella che risale almeno al XII secolo ne è stata unita un’altra nel XV secolo, l’edificio risultante è stato ulteriormente ampliato due secoli dopo; il castello di Gorizia, costruito nell’XI secolo su un colle, è caratterizzato da mura di cinta a pianta poligonale e torri rotonde ai vertici; il colle è circondato da una bastionata costruita durante la dominazione della Repubblica Veneziana e vi si trova anche la Chiesa di S. Spirito, un piccolo edifico gotico con caratteristico campanile a vela, costruita nel 1398; ecc.. In serata, sistemazione in Hotel in zona, cena e pernottamento.

17/06/2018 – TRENO NOVA GORICA-BLED / LAGO DI BLED / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Partenza per NOVA GORICA. Alle ore 08:45 partenza su di un vero treno d’altri tempi, con tanto di locomotiva a vapore, che fischia e sbuffa, e che ha come destinazione l’incantevole Bled, con il suo lago incastonato tra le montagne ed il suo affascinante castello. Si percorrerà un tratto della storica “Ferrovia Transalpina”, incastonata tra paessagi di incomparabile e mutevole bellezza, costeggiando bellissimi fiumi come l’Isonzo e la Sava, che venne inaugurata il 19 luglio 1906, allo scopo di completare la rete ferroviaria che collegava Vienna e l’Europa Centrale alle regioni adriatiche dell’Impero Austro Ungarico ed in particolare al porto di Trieste. La costruzione della linea ferroviaria richiese numerose e ardite opere di ingegneria (gallerie, ponti, viadotti), che l’hanno resa famosa. Per tutti si possono ricordare il ponte di Salcano, la cui arcata in pietra di 85 metri e ancora oggi la più grande al mondo e la galleria di Piedicolle, lunga 6327 metri. I conflitti mondiali dello scorso secolo hanno fatto perdere alla Transalpina il ruolo di grande ferrovia commerciale, rendendola una linea secondaria, che oggi rinasce come ferrovia turistica per collegare Austria, Slovenia e Italia, attraverso territori di incomparabile e mutevole bellezza, costeggiando bellissimi fiumi come l’Isonzo e la Sava. Arrivo a BLED alle ore 11:10 circa. Tempo libero. Pranzo in ristorante. Breve visita con guida di questa località che sorge sulle sponde del Lago a 510 m di altezza, frequentata in ogni stagione da turisti di tutto il mondo, in quanto principale stazione climatica slovena; il lago ha origini glaciali, non ha emissari e rifornisce di acque termali i più importanti alberghi del circondario; visita del Castello che domina la città ed il lago da un balzo di roccia a strapiombo, e giro in barca (facoltativo) sul lago per visitare l’isolotto di Marjka Bozja dove sorge un prezioso santuario barocco. Al termine delle visite, inizio del viaggio di ritorno. Soste lungo il percorso per ristoro e per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 235,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa, dalla cena del 16/6 al pranzo del 17/6 – Guide per le visite, come da programma – Treno storico a vapore da Nova Gorica a Bled – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi ai musei e nei luoghi di visita – Le bevande ai pasti – Il pranzo del 16/6 e la cena del 17/6 – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”
Supplemento camera singola: € 25,00
TASSA DI ISCRIZIONE: € 10,00 (include assicurazione medico e bagaglio)
Documento: Carta di identità valida per l’espatrio e senza timbro di rinnovo

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni

MODALITÀ DI PAGAMENTO

NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

GARDALAND “LA NOTTE BIANCA”

GARDALAND “LA NOTTE BIANCA”


1 giorno – sabato
16 giugno 2018 – 17 giugno 2018


DESCRIZIONE

Per festeggiare l’apertura serale, Gardaland propone la NOTTE BIANCA, una straordinaria apertura fino all’1 di notte per vivere, immersi nella magica atmosfera notturna del Parco, emozioni ancora più forti grazie a coinvolgenti spettacoli, divertenti animazioni e con la presenza di un DJ-set di fama internazionale. Durante la Notte Bianca ci saranno barman acrobatici, travolgenti parate, scintillanti fuochi d’artificio, postazioni musicali fisse e mobili in diverse aree del Parco e celebri star del mondo dei D.J. La Piazza Valle dei Re si trasforma in una vera e propria discoteca a cielo aperto, grazie alle proposte musicali di richiestissimi DJ. Lungo tutta la viabilità del Parco non mancheranno la musica e l’animazione!
NOVITA’ 2018 “PEPPA PIG LAND” Incontra dal vivo Peppa Pig nella nuova fantastica area interamente tematizzata Peppa Pig Land e vivi con lei meravigliose avventure! Visita la sua casa e gioca in sua compagnia a bordo di tante attrazioni: salpa su una divertentissima nave dei pirati, vola tra le nuvole su colorate mongolfiere e lascia che Nonno Pig ti accompagni in un indimenticabile viaggio sul suo trenino.

PROGRAMMA

Appuntamento dei partecipanti alle ore 06:00. Incontro con il pullman e partenza per GARDALAND. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo ed intera giornata dedicata alla visita. GARDALAND, un parco meraviglioso con attrazioni, spettacoli, animazioni, tanto verde e colore vi attende per vivere momenti indimenticabili……per tornare bambini e con loro divertirsi in un mondo di sogno, o per affrontare avventure mozzafiato tra cascate d’acqua e spericolate montagne russe. Insomma a GARDALAND vi attendono luoghi esotici, mete avventurose, magiche scoperte per un viaggio straordinario. “SHAMAN! Le più vecchie montagne russe di Gardaland restano sempre un evergreen ma dal 2017 adottano la tecnologia della realtà virtuale. Un nuovo tema, sempre tra le montagne del nord America, alla scoperta delle leggende degli spiriti degli indiani d’America. Un grande acchiappasogni e vari totem trasporteranno i visitatori in questo regno. La realtà virtuale poterà gli ospiti in un’esperienza virtuale unica! Vivi tutta l’adrenalina delle mitiche Montagne Russe con doppio giro della morte unita ad uno spettacolare volo virtuale nel misterioso mondo degli spiriti degli Indiani d’America. “FUGA DA ATLANTIDE”, lasciatevi condurre alla scoperta di una civiltà perduta….. ma fate attenzione alle ire di Nettuno! “SEQUOIA ADVENTURE”, scenografata secondo i canoni di una segheria tipica delle montagne americane, regala un emozionante percorso che raggiunge un’altezza massima di circa 30 metri dal suolo. “TIME VOYAGERS”, avventurati in un viaggio misterioso; sfreccia tra gli alti canyon e gli oscuri meandri di un mondo ad oggi ignoto; l’abisso ti inghiotte e solo una vita aliena potrà salvarti! “MAMMUT” il family rollercoaster più grande d’Italia; la tematizzazione polare di “Mammut”, rimanda immediatamente la fantasia del visitatore ai ghiacci e alla neve dell’Artico e a scoscesi dirupi capaci di regalare ineguagliabili emozioni e sorprendenti scoperte. “RAPTOR “UN VOLO DA BRIVIDO” – le uniche montagne russe alate in Italia: il mondo è in balia di una feroce creatura alata che distrugge il pianeta per vendicarsi di essere stata destata dal suo antico sonno sotterraneo. TIME VOYAGERS, il cinema a quattro dimensioni di Gardaland, combinerà immagini in 3D basate sul terzo capitolo della serie con un’incredibile varietà di effetti speciali che forniranno agli Ospiti la più entusiasmante e definitiva esperienza 4-D mai provata prima! PREZZEMOLOLAND: qui i sogni dei più piccoli diventano magicamente realtà. Un fiabesco Castello medievale, circondato da spassosi scivoli bagnati, nasconde emozionanti giochi d’acqua! E per difenderlo dagli attacchi dei nemici, spruzza con i suoi potenti cannoni!!! Tra macchine volanti e grandi tavolozze di colore, allegre catapulte, divertentissimi scivoli acrobatici tappeti elastici, un planetario davvero spaziale e mille altre sorprese… “SPACE VERTIGO” all’interno della navicella spaziale ha luogo un attacco extraterrestre; l’unica via di salvezza è la fuga verso la cima della torre di lancio, alta ben 40 metri, da dove lanciarsi verso lo spazio. “OBLIVION, THE BLACK HOLE” Le nuova montagne russe a caduta in picchiata verticale. Il primo Dive Coaster in Italia e il più lungo d’Europa: con i suoi 42,5 metri di altezza, 87 gradi di inclinazione e una velocità di 100 km/h, promette un’avventura davvero mozzafiato e senza eguali. “KUNG FU PANDA MASTER” Preparati ad affrontare sfide davvero emozionanti. Ma solo superando le discese e le rotazioni di Kung Fu Panda Master, le NUOVE MONTAGNE RUSSE, potrai veramente essere tu il prossimo Guerriero Dragone! La zona coda è un piccolo percorso che simula l’allenamento dei personaggi di Kung Fu Panda che ci porta fino al templio di partenza. Salendo sui vagoncini si affrontano salite, curva, discese e tante rotazioni come durante l’allenamento di Po! Non si finisce mai di scoprire GARDALAND e le sue sorprendenti magie…46 ettari di parco! E quando scende la notte di sera GARDALAND è ancora più entusiasmante! Fantastici show, fuochi d’artificio e la grande parata dei personaggi di Gardaland. Pranzo e cena liberi. Alle ore 01:00 inizio del viaggio di ritorno. Arrivo alle ore 08:00 circa, della domenica.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax) € 60,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.
Ingresso a Gardaland: € 28,50 – BAMBINI, ALTEZZA INFERIORE A UN METRO, GRATUITI.

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni