Archivi tag: napoli

I CAMPI FLEGREI: Pozzuoli, Baia, Cuma / PROCIDA, incantevole set cinematografico / NAPOLI

I CAMPI FLEGREI: Pozzuoli, Baia, Cuma / PROCIDA, incantevole set cinematografico / NAPOLI


2 giorni
21 aprile 2018 – 22 aprile 2018


Programma21/04/2018 – PARTENZA / CAMPI FLEGREI / NAPOLI
Appuntamento dei partecipanti alle ore 04:00, incontro con il pullman e partenza alla volta dei CAMPI FLEGREI. Visita con guida. Un territorio unico al mondo caratterizzato da un sistema vulcanico in piena attività, soggetto a fenomeni bradisismici e di erosione marina, Un terra antica e “dinamica” il cui paesaggio è disegnato da cinque laghi che si alternano ad insenature e promontori di roccia tufacea. L’itinerario si svolge nella fascinosa plaga vulcanica ad ovest di Napoli, dove vivi sono i ricordi mitici e numerosi i resti dell’antichità. Arrivo e visita. POZZUOLI, ove si visiterà l’Anfiteatro Flavio, fatto costruire da Vespasiano nel I sec. a.C. capace di contenere 40 mila persone, è uno dei più grandi anfiteatri dell’antichità; molto interessanti i sotterranei costituiti da tre corridoi, con un certo numero di aperture rettangolari, che fingevano da passaggio diretto con l’arena. Proseguendo nell’itinerario si potranno ammirare: CUMA, uno dei capisaldi dell’itinerario, in suggestiva solitudine, con l’Arco Felice, grandioso fornice di un viadotto in laterizi eretto al tempo di Domiziano; l’Antro della Sibilla Cumana, uno dei santuari più venerati nell’antichità dove la Sibilla Cumana, cantata nell’Eneide, proferiva i suoi oracoli; i resti dei templi greci di Giove e di Apollo. BAIA, con il bellissimo parco archeologico, uno dei più grandiosi e singolari complessi architettonici; visita al Castello edificato alla fine del ‘400 dagli Aragonesi, oggi sede del Museo dei Campi Flegrei. Trasferimento a NAPOLI e giro panoramico: il lungomare tra Castel dell’Ovo e Posillipo, con il panorama su tutto il Golfo, il Vesuvio e le isole, è l’immagine più famosa e suggestiva di Napoli; il profilo della costa è dominato dalle massicce mura tufacee di CASTEL DELL’OVO, il più antico della città, la famosissima VIA CARACCIOLO, si gode uno dei panorami più incantevoli di Napoli, dal Vesuvio fino alla collina di Posillipo punteggiata da case immerse nel verde, il tutto incorniciato dal blu intenso del mare. Il lungomare detto RIVIERA DI CHIAIA e la VILLA COMUNALE, (già Villa Reale), parco cittadino realizzato da Carlo Vanvitelli alla fine del ‘700. Passeggiata nella monumentale ed armoniosa Piazza del Plebiscito, senza dubbio la più nota di Napoli, ma anche la più grande e la più rappresentativa, vi prospetta il Palazzo Reale, ed è celebre per l’imponente colonnato; ecc.. Sistemazione in Hotel nei dintorni, cena e pernottamento.

22/04/2018 – ISOLA DI PROCIDA / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Trasferimento al porto di Pozzuoli. Partenza in traghetto per PROCIDA. Incontro con la guida ed i pullmini e visita dell’isola. Visite: Torre Murata, sorge sul promontorio più alto dell’isola a 90 metri d’altezza, ed è il nucleo storico di Procida, il vecchio “cuore” dell’isola, il centro abitativo più antico ed unico rifugio sicuro per gli isolani durante secoli di incertezze politiche. Oltre le due maestose porte d’ingresso, la Terra Murata premia il visitatore con la sua atmosfera medievale, vicoli strettissimi e le tipiche casette popolari, una brezza che spesso soffia qui sopra e alleggerisce i mesi caldi e – naturalmente – con una vista straordinaria su tutto il Golfo di Napoli; l’imponente Abbazia di San Michele Arcangelo, ad un’altezza di 90 metri a picco sul mare. fu costruita dai benedettini e, nella seconda metà del XV secolo. L’interno della chiesa accoglie tre navate di cui quella centrale è coperta da un soffitto a cassettoni in legno ed oro zecchino con al centro il dipinto raffigurante San Michele che sconfigge Satana, realizzato nel XVII secolo. Il Castello, costruito a picco sul mare da Innico d’Avalos d’Aragona per far fronte alla continue incursione saracena; la “Corricella”, il porto dei pescatori e location de IL POSTINO con Massimo Troisi, è uno degli insediamenti più antichi dell’isola, l’impressione che la Corricella dà è amabile, allegra (la parola “Corricella” viene dal greco “kora calè” – quartiere bello), le sue case colorate e terrazzi sono quasi sempre soleggiati; la Marina Grande, il porto principale di Procida, mostra a prima vista, quando ci si è ancora sul traghetto, i gioielli dell’architettura procidana che il visitatore potrà ammirare poi in numerose variazioni nelle altre Marine e nel centro storico: le case in pastello che si fiancheggiano, il “vefio” (la tipica apertura ad ampio arco), le scale esterne, i terrazzi ed i balconi; ecc.. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, rientro in traghetto a POZZUOLI. Sbarco e partenza per il rientro. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax ) € 235,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa dalla cena del 21/4 al pranzo del 22/4 – Bevande ai pasti – Guida per tutte le visite – Traghetto A/R per Procida – Pulmini per Procida – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Il pranzo del 21/4 e la cena del 22/4 – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Supplemento camera singola: € 25,00
Tassa di iscrizione: € 10,00 (include assicurazione medico e bagaglio)
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

NAPOLI, città meravigliosa con un’anima possente: Spaccanapoli, Palazzo Reale, la stazione della metro “Toledo” – “Il Cristo Velato” – ISOLA D’ISCHIA

NAPOLI, città meravigliosa con un’anima possente: Spaccanapoli, Palazzo Reale, la stazione della metro “Toledo” – “Il Cristo Velato” – ISOLA D’ISCHIA


2 giorni
1 aprile 2018 – 2 aprile 2018


Programma01/04/2018 – PARTENZA / NAPOLI
Appuntamento dei partecipanti alle ore 05:00, incontro con il pullman e partenza alla volta di NAPOLI. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo a NAPOLI, incontro con la guida e giornata dedicata alle visite. PRANZO IN RISTORANTE. Visite: la Napoli più bella e tradizionale, lungo l’itinerario chiamato “Spaccanapoli”, cuore della città, che percorre il lungo rettifilo che “spacca” il centro partenopeo da ovest ad est, ricalcando il tracciato del decumano inferiore dell’insediamento greco-romano; via San Gregorio Armeno, il cuore di Spaccanapoli, è famosa ovunque per i suoi presepi, per le statuine prodotte in ogni foggia dalle botteghe artigiane La Cappella San Severo che ospita il “Cristo velato” posto al centro della navata, una delle opere più note e suggestive al mondo e ha sempre destato stupore e ammirazione. Tra i moltissimi suoi estimatori vale la pena ricordare Antonio Canova il quale dichiarò che sarebbe stato pronto a dare dieci anni della sua vita pur di essere l’autore di un siffatto capolavoro. Opera dello scultore Giuseppe Sanmartino (1720-1793) è datata 1753; in quest’opera l’artista traduce con realismo intenso profondi pulsioni interiori. La stazione della metropolitana “Toledo”. È una stazione della linea 1 della metropolitana di Napoli ubicata nel quartiere San Giuseppe. Secondo il quotidiano inglese The Daily Telegraph è la stazione della metropolitana più bella d’Europa, primato confermato anche nella classifica della CNN. Progettata dall’architetto spagnolo Óscar Tusquets Blanca, la stazione serve per spostarsi sia nella zona del rione Carità sia nella zona degli adiacenti Quartieri Spagnoli, nonché della vicina piazza Carità. La stazione è decorata da mosaici e lucernari con le tonalità dominanti del blu e dell’ocra. Palazzo Reale: con la sua armoniosa struttura, Palazzo Reale domina Largo di Palazzo, l’odierna piazza Plebiscito. La costruzione della Reggia fu decisa alla fine del secolo XVI, in previsione di una visita di re Filippo di Spagna, e venne affidata a Domenico Fontana, architetto tra i più prestigiosi del suo tempo. Al centro della facciata si vedono gli stemmi reali e vicereali; sotto il balcone è invece lo stemma dei Savoia. Piazza del Plebiscito, una delle più armoniose e monumentali piazza di Napoli, chiusa ad ovest da Palazzo Reale e ornata al centro dalle statue equestri di Carlo I di Borbone e di Ferdinando I, e celebre per l’imponente colonnato dorico, voluto da Gioacchino Murat. Galleria Umberto I, tra le maggiori realizzazioni di fine ‘800, chiusa da una copertura in ferro e vetro. In serata, sistemazione in Hotel a NAPOLI (o immediate vicinanze, cena e pernottamento.02/04/2018 – ISOLA D’ISCHIA / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Trasferimento al porto di NAPOLI, incontro con la guida e partenza in traghetto per ISCHIA. Arrivo e giornata dedicata alla visita. Pranzo in ristorante. ISCHIA, la più grande delle isole partenopee (46,33 Kmq) e prima colonia greca, è situata di fronte al golfo di Napoli. Divisa in sei Comuni, ISCHIA, CASAMICCIOLA, LACCO AMENO, FORIO, SERRARA FONTANA e BARANO. Vanta oltre 40 chilometri di spiagge, insieme a un entroterra pieno di bella vegetazione, tant’è che spesso si fa riferimento a Ischia come all’isola verde: ogni suo angolo, infatti, è ricco di piante, persino le cime dei suoi piccoli scogli sono colorate di verde. L’isola è rinomata perché oltre al classico turismo balneare è caratterizzata da un turismo legato alle terme, ecco perché spesso è conosciuta con l’appellativo di “isola dell’eterna giovinezza” o “isola della salute”. Panorami, sorgenti, insenature, spiagge, porti, vegetazione lussureggiante, fiori variopinti, mare oltre a un’efficiente e all’avanguardia sistema alberghiero costituiscono i tratti vincenti di quest’isola partenopea, in grado di offrire al viaggiatore uno dei panorami più belli e romantici del mondo. Sono i colori gli elementi caratteristici di quest’isola: il verde è il colore della vegetazione del posto, l’azzurro quello del mare e del cielo, il bianco delle case mediterranee. Tutti ingredienti che hanno trasformato ISCHIA in quell’oasi di pace, meta preferita del turismo internazionale e da molti personaggi illustri del mondo dell’arte e dello spettacolo che l’hanno eletta a loro dimora ufficiale. Rientro in traghetto a NAPOLI e partenza per il rientro. Soste lungo il percorso per ristoro e cena libera. Arrivo.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax ) € 250,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa dal PRANZO DI PASQUA DELL’1/4 al pranzo del 2/4 – Bevande ai pasti – Guida per tutte le visite – Traghetto A/R per Ischia – Pulmini per Ischia – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – La cena del 2/4 – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Supplemento camera singola: € 25,00
Tassa di iscrizione: € 10,00 (include assicurazione medico e bagaglio)
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni

NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

I CAMPI FLEGREI: Pozzuoli, Baia, Cuma / PROCIDA, incantevole set cinematografico / NAPOLI

I CAMPI FLEGREI: Pozzuoli, Baia, Cuma / PROCIDA, incantevole set cinematografico / NAPOLI


2 giorni
21 aprile 2018 – 22 aprile 2018


Programma21/04/2018 – PARTENZA / CAMPI FLEGREI / NAPOLI
Appuntamento dei partecipanti alle ore 04:00, incontro con il pullman e partenza alla volta dei CAMPI FLEGREI. Visita con guida. Un territorio unico al mondo caratterizzato da un sistema vulcanico in piena attività, soggetto a fenomeni bradisismici e di erosione marina, Un terra antica e “dinamica” il cui paesaggio è disegnato da cinque laghi che si alternano ad insenature e promontori di roccia tufacea. L’itinerario si svolge nella fascinosa plaga vulcanica ad ovest di Napoli, dove vivi sono i ricordi mitici e numerosi i resti dell’antichità. Arrivo e visita. POZZUOLI, ove si visiterà l’Anfiteatro Flavio, fatto costruire da Vespasiano nel I sec. a.C. capace di contenere 40 mila persone, è uno dei più grandi anfiteatri dell’antichità; molto interessanti i sotterranei costituiti da tre corridoi, con un certo numero di aperture rettangolari, che fingevano da passaggio diretto con l’arena. Proseguendo nell’itinerario si potranno ammirare: CUMA, uno dei capisaldi dell’itinerario, in suggestiva solitudine, con l’Arco Felice, grandioso fornice di un viadotto in laterizi eretto al tempo di Domiziano; l’Antro della Sibilla Cumana, uno dei santuari più venerati nell’antichità dove la Sibilla Cumana, cantata nell’Eneide, proferiva i suoi oracoli; i resti dei templi greci di Giove e di Apollo. BAIA, con il bellissimo parco archeologico, uno dei più grandiosi e singolari complessi architettonici; visita al Castello edificato alla fine del ‘400 dagli Aragonesi, oggi sede del Museo dei Campi Flegrei. Trasferimento a NAPOLI e giro panoramico: il lungomare tra Castel dell’Ovo e Posillipo, con il panorama su tutto il Golfo, il Vesuvio e le isole, è l’immagine più famosa e suggestiva di Napoli; il profilo della costa è dominato dalle massicce mura tufacee di CASTEL DELL’OVO, il più antico della città, la famosissima VIA CARACCIOLO, si gode uno dei panorami più incantevoli di Napoli, dal Vesuvio fino alla collina di Posillipo punteggiata da case immerse nel verde, il tutto incorniciato dal blu intenso del mare. Il lungomare detto RIVIERA DI CHIAIA e la VILLA COMUNALE, (già Villa Reale), parco cittadino realizzato da Carlo Vanvitelli alla fine del ‘700. Passeggiata nella monumentale ed armoniosa Piazza del Plebiscito, senza dubbio la più nota di Napoli, ma anche la più grande e la più rappresentativa, vi prospetta il Palazzo Reale, ed è celebre per l’imponente colonnato; ecc.. Sistemazione in Hotel nei dintorni, cena e pernottamento.22/04/2018 – ISOLA DI PROCIDA / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Trasferimento al porto di Pozzuoli. Partenza in traghetto per PROCIDA. Incontro con la guida ed i pullmini e visita dell’isola. Visite: Torre Murata, sorge sul promontorio più alto dell’isola a 90 metri d’altezza, ed è il nucleo storico di Procida, il vecchio “cuore” dell’isola, il centro abitativo più antico ed unico rifugio sicuro per gli isolani durante secoli di incertezze politiche. Oltre le due maestose porte d’ingresso, la Terra Murata premia il visitatore con la sua atmosfera medievale, vicoli strettissimi e le tipiche casette popolari, una brezza che spesso soffia qui sopra e alleggerisce i mesi caldi e – naturalmente – con una vista straordinaria su tutto il Golfo di Napoli; l’imponente Abbazia di San Michele Arcangelo, ad un’altezza di 90 metri a picco sul mare. fu costruita dai benedettini e, nella seconda metà del XV secolo. L’interno della chiesa accoglie tre navate di cui quella centrale è coperta da un soffitto a cassettoni in legno ed oro zecchino con al centro il dipinto raffigurante San Michele che sconfigge Satana, realizzato nel XVII secolo. Il Castello, costruito a picco sul mare da Innico d’Avalos d’Aragona per far fronte alla continue incursione saracena; la “Corricella”, il porto dei pescatori e location de IL POSTINO con Massimo Troisi, è uno degli insediamenti più antichi dell’isola, l’impressione che la Corricella dà è amabile, allegra (la parola “Corricella” viene dal greco “kora calè” – quartiere bello), le sue case colorate e terrazzi sono quasi sempre soleggiati; la Marina Grande, il porto principale di Procida, mostra a prima vista, quando ci si è ancora sul traghetto, i gioielli dell’architettura procidana che il visitatore potrà ammirare poi in numerose variazioni nelle altre Marine e nel centro storico: le case in pastello che si fiancheggiano, il “vefio” (la tipica apertura ad ampio arco), le scale esterne, i terrazzi ed i balconi; ecc.. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, rientro in traghetto a POZZUOLI. Sbarco e partenza per il rientro. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax ) € 235,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa dalla cena del 21/4 al pranzo del 22/4 – Bevande ai pasti – Guida per tutte le visite – Traghetto A/R per Procida – Pulmini per Procida – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Il pranzo del 21/4 e la cena del 22/4 – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Supplemento camera singola: € 25,00
Tassa di iscrizione: € 10,00 (include assicurazione medico e bagaglio)
Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

L’ORO DI NAPOLI Il Tesoro di San Gennaro / Il Cristo Velato / Palazzo Zevallos Stigliano / IL PARCO VERGILIANO, luogo magico

L’ORO DI NAPOLI Il Tesoro di San Gennaro / Il Cristo Velato / Palazzo Zevallos Stigliano / IL PARCO VERGILIANO, luogo magico


1 giorno
6 maggio 2018


ProgrammaAppuntamento dei partecipanti alle ore 04:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di NAPOLI. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo e giornata dedicata alle visite con guida. Il Tesoro di San Gennaro è una delle collezioni più ricche la mondo, pari al Tesoro della Corona d’Inghiterra e al Tesoro dello Zar di Russia. Parliamo di uno scrigno di gioielli di squisita fattura e d’inestimabile valore che costituiscono donazioni offerte al Santo nel corso di circa 7 secoli. Situato nel Museo dedicato al Santo, all’interno del Duomo di Napoli, un polo museale di altissimo valore storico, artistico, culturale e spirituale, dedicato alle opere appartenenti al Tesoro di San Gennaro e alla bellissima Sacrestia, con affreschi di Luca Giordano e dipinti del Domenichino e di Massimo Stanzione. Di particolare bellezza il Mitra d’argento del Santo, risalente al 1713 e realizzato da Matteo Treglia con rubini, smeraldi e brillanti; la Collana di San Gennaro, iniziata nel 1679, formata da 13 maglie in oro massiccio alle quali sono appese cfroci tempestate di zaffiri e smeraldi; il Manto di San Gennaro, coperto di pietre preziose e smalti raffiguranti le insegne araldiche del passato; il calice con coperchio, detto Pisside, in argento dorato, il Calice d’oro, realizzato nel 700 dall’orafo Michele Lofrano, tempestato di rubini, smeraldi e brillanti. Di alto valore artistico e culturale anche le statue lignee, raffiguranti la Vergine Addolorata, l’Hecce Homo e il Cristo Risorto, espressione dei più importanti artisti della Scuola Napoletana del XVIII secolo. La Cappella San Severo che ospita il “Cristo velato” posto al centro della navata, una delle opere più note e suggestive al mondo e ha sempre destato stupore e ammirazione. Tra i moltissimi suoi estimatori vale la pena ricordare Antonio Canova il quale dichiarò che sarebbe stato pronto a dare dieci anni della sua vita pur di essere l’autore di un siffatto capolavoro. Opera dello scultore Giuseppe Sanmartino (1720-1793) è datata 1753; in quest’opera l’artista traduce con realismo intenso profondi pulsioni interiori. Le pieghe del velo posto a mò di sudario, si distendono sul corpo ora nervosamente, ora serenamente infittendosi o ammorbidendosi in alcuni punti. Sembra quasi di poter toccare le carni delle divine membra esanimi sotto il velo che, più che di marmo, appare come fatto di seta. Palazzo Zevallos Stigliano venne costruito su disegno di Cosimo Fanzago tra il 1637 ed il 1639, per volere di Giovanni Zevallos, ufficiale di Corte. Posta sul lato orientale di via Toledo, l’imponente architettura si articola attorno al grande cortile interno rettangolare cui si accede varcando la soglia del sontuoso portale secentesco. Ospita il “Martirio di sant’Orsola”, celebre dipinto realizzato da Caravaggio poche settimane prima della sua morte. Completano l’esposizione un corpus di vedute sette-ottocentesche di Napoli e del territorio campano, realizzate da Gaspar van Wittel e Anton Smink Pitloo. Il Palazzo è un edificio che fa parte integrante della storia della città, grazie agli illustri personaggi che nel tempo ne sono stati i proprietari e ai tanti artisti di fama che vi hanno lavorato, tra cui Luca Giordano e Alessandro Scarlatti. Il Parco Vergiliano di Piedigrotta, un luogo magico permeato di storia, cultura, arte e leggende. Ospita il mausoleo di due dei più grandi poeti italiani di sempre, Virgilio, e Giacomo Leopardi. Il più importante è di certo il mausoleo di Virgilio. Il poeta ha vissuto a lungo a Napoli, e addirittura nel Medioevo si era diffusa la credenza che fosse tra i patroni della città, che gli attribuiva poteri magici e la leggenda dell’uovo che dà il nome a Castel dell’Ovo. La sua tomba si trova in una posizione sopraelevata, chiamata colombario per le nicchie scavate al suo interno. Sul mausoleo compare il famoso epitaffio con l’iscrizione “Mantua me genuit, Calabri rapuere, tenet nunc Parthenope; cecini pascua, rura, duces” (Mantova mi generò, la Calabria mi rapì, e ora mi tiene Napoli; cantai i pascoli, i campi, i condottieri). Il Parco custodisce anche i resti mortali di Giacomo Leopardi, un’alta ara collocata all’interno di una grotta in tufo. Questi fu inizialmente seppellito, dopo la morte a Napoli per colera, nella chiesa di San Vitale a Fuorigrotta, poi nel 1934, quando fu realizzato il Parco Vergiliano fu trasferito qui. All’ingresso della tomba vi è una lapide che consacra il sepolcro come monumento nazionale. Alle ore 18:00 circa, inizio del viaggio di ritorno. Soste per ristoro e per la cena libera. Arrivo, fine dei servizi.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 65,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Guida per l’intera giornata – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: I pasti – Gli ingressi nei luoghi di visita (ad esclusione di Palazzo Zevallos) – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

La prima domenica del mese l’ingresso a Palazzo Zevallos è gratuito

Le prenotazioni telefoniche si intendono valide solo se accompagnate dal versamento dell’acconto entro 4 giorni


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO