Archivi categoria: Tours in Pullman

PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO Pescasseroli / Civitella Alfedena / Villetta Barrea / La Camosciara – NATURA DA SOGNO

PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO Pescasseroli / Civitella Alfedena / Villetta Barrea / La Camosciara – NATURA DA SOGNO

1 giorno – domenica
4 settembre 2016

DescrizioneIl Parco Nazionale d’Abruzzo è stato istituito nel 1923 per salvaguardarne le eccezionali caratteristiche naturali e salvare dall’estinzione alcuni animali selvatici. Esteso per 50.000 ettari, si trova nel cuore dell’Appennino centrale, tra Abruzzo, Lazio e Molise e comprende 25 comuni.
Il paesaggio è caratterizzato da catene montuose, torrenti e fiumi, tra cui il Sangro: un luogo ideale in cui trascorrere piacevoli giornate a stretto contatto con la natura e ammirare paesaggi incontaminati, una flora ricchissima e una fauna variegata. E’ qui, infatti, tra vallate remote e montagne glabre, che alcune specie, come l’orso bruno marsicano, l’aquila reale, il lupo appenninico, il cervo, la lontra e il camoscio hanno trovato il loro rifugio e il loro habitat.
ProgrammaAppuntamento dei partecipanti alle ore 06:00. Incontro con il pullman e partenza per il PARCO. Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo, incontro con la guida e giornata dedicata alla visita. Un itinerario tra i paesini abruzzesi del parco potrebbe partire da Pescasseroli, patria del filosofo Benedetto Croce. Un paese ricco di luoghi da scoprire: dal Museo naturalistico al Parco faunistico dove si possono osservare alcuni esemplari della fauna della zona, nati in cattività o feriti, curati e riabilitati presso il centro; senza dimenticare il Giardino appenninico, con molte specie di flora e uno stagno. Da non perdere poi una visita all’Abbazia dei Santi Pietro e Paolo del XII sec. più volte rimaneggiata, in cui è conservata una statua lignea della Madonna nera. Spostandoci verso l’area del lupo appenninico e della lince, approdiamo a Civitella Alfedena, pittoresco borgo, in cui si possono osservare le mura del Castello medievale del principe Caracciolo di Cellammare e la Torre Normanna a pianta ottagonale del X-XI secolo. Bellissimo il panorama sul Lago di Montagna Spaccata. antico borgo caratterizzato da case e palazzi in pietra. Qui si trovano il Museo del lupo appenninico, dedicato alla biologia, alla storia, alla cultura e alle leggende di questo predatore, e all’Area faunistica che ospita alcuni esemplari che vivono in stato di semilibertà. Vicino questa graziosa località di villeggiatura alle spalle dei monti della Meta, sorge il lago artificiale di Barrea, lo specchio d’acqua più esteso dell’area protetta, formato dallo sbarramento del fiume Sangro: una vera e propria oasi in cui si possono avvistare specie rare di uccelli, come la ballerina gialla o gli aironi cenerini. Su questo lago si affaccia il piccolo borgo medievale di Barrea, arroccato su uno sperone a 1066 metri, e circondato da alcune tra le più belle montagne del Parco. Poco distante incontriamo Villetta Barrea. Adagiato lungo il fiume Sangro e dominato dal Monte Mattone, l’odierno centro abitato di questo paese di epoca sannita nasce intorno ad un piccolo castello eretto alla fine del 1300. Proseguendo lungo il percorso del fiume, arriviamo nel cuore del parco, un vero e proprio regno della natura: La Camosciara. A piedi, attraverso il sentiero si percepisce subito la magia del luogo: un torrente costeggiato da querce ed aceri e la percezione che gli animali simbolo per parco non sono poi così lontani. È probabilmente il più frequentato del Parco anche grazie alla sua facilità, un sentiero da 60/85 minuti. E’ uno dei migliori posti in cui si possono osservare a pochi metri di distanza e in ogni stagione, esemplari splendidi del Camoscio d’Abruzzo. Non solo borghi, o chiese o pietre, un po’ di vita ci vuole e in un parco, è doveroso e logico dare spazio e dedicare tempo agli animali. Soprattutto nel Parco Nazionale d’Abruzzo che ne ospita una grande varietà. Se tempo fa avevano a disposizione molto più territorio, oggi sono in questa area e se la godono, non facendosi molto notare. Possiamo contare 60 specie di mammiferi, 300 di uccelli, 40 di rettili, anfibi e pesci, e moltissime specie di insetti, alcune endemiche. ed inizio del viaggio di ritorno. Sosta lungo il percorso per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 55,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Guida per l’intera giornata – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei luoghi di visita – I pasti – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”
Nota:Consigliamo di indossare scarpe pratiche e comode

MATERA “I giardini di pietra” – Martina Franca / Locorotondo / Alberobello

MATERA “I giardini di pietra” – Martina Franca / Locorotondo / Alberobello

2 giorni
10 settembre 2016 – 11 settembre 2016

Programma

10/09/2016 – PARTENZA / MATERA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 03:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di MATERA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo a MATERA, incontro con la guida e visita. Con il passare degli anni la città continua a suscitare stupori e ad emergere per il suo paesaggio, a detta di tanti, incantato. Matera, dichiarata dal 1993 Patrimonio Mondiale dell’UNESCO e appena proclamata CAPITALE DELLA CULTURA EUROPEA DEL 2019, è stata definita unica al mondo per la sua configurazione ed i suoi paesaggi così contrastanti fra loro. E’ la città delle Caverne, dei Villaggi Trincerati, delle Case contadine scavate nella roccia, delle Chiese Rupestri affrescate, delle grandi Chiese Romanico – Pugliesi e Barocche e degli importanti Palazzotti nobiliari. E’ la città che ricorda geologicamente l’antica Gerusalemme e la Cappadocia. I Sassi rappresentano la parte antica della città di Matera. Sviluppatisi intorno alla Civita, costituiscono una intera città scavata nella roccia calcarenitica, chiamata localmente “tufo”, un sistema abitativo articolato, abbarbicato lungo i pendii di un profondo vallone dalle caratteristiche naturali singolari e sorprendenti: la Gravina. Strutture edificate, eleganti ed articolate si alternano a labirinti sotterranei e a meandri cavernosi, creando un unicum paesaggistico di grande effetto. Il sovrapporsi di diverse fasi di trasformazioni urbane sull’aspra morfologia murgica originaria, il raffinato dialogo tra rocce ed architettura, canyon e campanili, ha creato nel corso dei secoli uno scenario urbano di incomparabile bellezza e qualità. Un tempo cuore della civiltà contadina, oggi, ristrutturati e rinobilitati, i Sassi rivivono e lasciano senza fiato soprattutto di sera quando le piccole luci di residenze, botteghe di artigiani e ristoratori li rendono come un presepe di cartapesta. Visite: i Sassi dal Belvedere panoramico, suggestiva location cinematografica per la rappresentazione del Golgota e della passione di Cristo nel film di Mel Gibson “The Passion”. Piazzetta Pascoli che consente una panoramica mozzafiato sul Rione Sasso Caveoso e sul prospiciente altopiano murgico. Si prosegue attraverso le stradine e i vicoli del Sasso Caveoso dove sarà possibile osservare il raffinato restauro di alcuni palazzotti signorili e case contadine, sino a giungere alla splendida Piazza San Pietro Caveoso dominata dall’omonima chiesa. Si visita poi la “casa grotta”, abitazione tipica con struttura mista scavata e costruita e allestita con gli arredi e gli attrezzi tipici della civiltà contadina. La guida prosegue presso l’affascinante chiesa rupestre di Santa Lucia alle Malve, dove si potranno osservare alcuni degli affreschi più significativi del patrimonio iconografico locale e l’elaborato sistema di decorazioni architettoniche realizzate in rupe. La cattedrale, internamente ristrutturata nel periodo barocco, ospita interessanti opere lignee e pittoriche di artisti locali. Lungo la dorsale seicentesca del “Piano” si possono ammirare le costruzioni civili e religiose del periodo barocco. Tra le costruzioni che risaltano nelle vie del centro, oltre ai tanti palazzi nobiliari come il palazzo Firrao-Giudicepietro della fine del ‘400 o il Palazzo del Sedile del 1799, oggi sede del Conservatorio di musica, c’è il Castello Tramontano, eretto nel sec. XVI, fuori città, per volere del Conte Giancarlo Tramontano. Si presenta con maschio centrale e torri laterali ma a causa della morte prematura del conte – assassinato – è rimasto incompleto. In tarda serata, trasferimento in Hotel e pernottamento.

11/09/2016 – MARTINA FRANCA / LOCOROTONDO / ALBEROBELLO / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Mattinata dedicata alla visita con guida. MARTINA FRANCA con guida: bellissima cittadina, attorniata da una cerchia di mura; in tutto il centro storico sorgono palazzetti e facciate decorate che creano sorprendenti scorci e scenografie barocche e rococò lungo le anguste, tortuose vie medioevali. Si potranno ammirare: Palazzo Ducale, la collegiata di San Martino, Corso Vittorio Emanuele, Via Principe Umberto, i palazzi Motolese e Grassi, ecc.. LOCOROTONDO: meravigliose ed incantevoli le stradine del centro storico, dai muri bianchi di calce e dai balconi in ferro battuto ricolmi di cascate di gerani dai variopinti colori; il tutto in uno scenario romantico e suggestivo. È caratterizzato da abitazioni rettangolari con tetti spioventi detti “cummerse” realizzati in chiancarelle, di cui è ricco il sottosuolo. Pranzo in ristorante. Partenza per ALBEROBELLO e visita libera. Alberobello rappresenta il cuore della Valle dei Trulli e fu fondata nel XV secolo dai conti Acquaviva; è un pittoresco centro agricolo e turistico formato in gran parte da trulli che gli conferiscono, oltre ad una vaga aria fiabesca, notevole interesse architettonico riconosciuto nel 1996 Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO. Nella sola Alberobello ci sono circa 1.500 trulli di vario tipo. Il centro storico, è uno dei più interessanti della Puglia, soprattutto perché permette di osservare la struttura dei trulli. Tali edifici si concentrano oggi soprattutto nei rioni Aia Piccola e Monti che accoglie la chiesa di S. Antonio disegnata nel 1926 riprendendo le forme del trullo. Fa da sfondo al corso Vittorio Emanuele il santuario dei Ss. Medici Cosma e Damiano, fondato a inizi del ‘600 su un più antico luogo di culto, dietro il quale è il “Trullo sovrano”, l’unico a due piani. dietro il quale è il “Trullo sovrano”, l’unico a due piani. Partenza per il rientro. Sosta lungo il percorso per la cena libera. Arrivo.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax) € 190,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa dalla cena del 10/9 al pranzo dell’11/9 – Le bevande ai pasti – Guida per tutte le visite, come da programma –Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – Il pranzo del 10/9 e la cena dell’11/9 – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”
Supplemento camera singola: € 20,00


NAVIGAZIONE SUL DELTA DEL PO / COMACCHIO / ABBAZIA DI POMPOSA

NAVIGAZIONE SUL DELTA DEL PO / COMACCHIO / ABBAZIA DI POMPOSA

1 giorno – domenica
11 settembre 2016

ProgrammaAppuntamento dei partecipanti alle ore 05.00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di PORTO GARIBALDI. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo ed imbarco sulla motonave. La minicrociera vi farà scoprire le peculiarità di uno scenario incontaminato unico al mondo. Il Parco del Delta del Po è una terra in continuo, naturale mutamento, una zona dove diversi ambienti si sviluppano l’uno accanto all’altro per le diverse gradazioni dei livelli d’acqua e della salinità. La duna , il fiume, il bosco e il canneto, le paludi d’acqua dolce e la laguna salmastra, le velme scoperte ad intermittenza dalla marea e le terre coperte di salicornia. Navigando, dalla Motonave, con itinerari guidati spiegazioni a bordo, avrete l’opportunità di vedere la vegetazione palustre, le tamarici e i fitti canneti dove coesistono numerose specie di flora e di fauna e trovano rifugio numerose specie d’uccelli. La motonave vi condurrà al punto in cui le acque del fiume Po si incontrano con le acque del Mar Adriatico. Pranzo a base di pesce a bordo della motonave, con cibi cucinati al momento in loco.
Dopo pranzo, verso le ore 15:00, rientro a PORTO GARIBALDI e proseguimento per l’Abbazia di Pomposa. Arrivo, incontro con la guida e pomeriggio dedicato alla visita di: antico monastero benedettino di Pomposa, che comprende la Basilica con l’Atrio, il Campanile Romanico, la Sala del Capitolo, la Sala a Stilate, il Refettorio, il Dormitorio, e il Palazzo della Regione. Questi edifici nel Medioevo ospitavano un centro di spiritualità e cultura tra i più importanti del mondo. Proseguimento per Comacchio, e visita: è chiamata la piccola Venezia, perché è attraversata da canali sormontata da ponti che un tempo collegavano i tredici isolotti che costituivano il paese stesso di Comacchio, passeggiata guidata tra ponti piazze e monumenti palazzi storici. Verso le ore 19.00 partenza per il viaggio di ritorno. Sosta lungo il percorso per la cena libera. Arrivo

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min 40 pax) € 85,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Minicrociera – Pranzo a bordo a base di pesce con bevande incluse – Guida per la visita di Pomposa e Comacchio – Capogruppo

LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei luoghi di visita – La cena – Tutto quanto non specificato alla “La quota comprende”


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

LAGO MAGGIORE e LAGO D’ORTA, luoghi e fonte di ispirazione

LAGO MAGGIORE e LAGO D’ORTA, luoghi e fonte di ispirazione

2 giorni
17 settembre 2016 – 18 settembre 2016

Programma

17/09/2016 – PARTENZA / LAGO MAGGIORE
Appuntamento dei partecipanti alle ore 01:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta del LAGO MAGGIORE. Soste di ristoro lungo il percorso. Arrivo ed escursione, con guida e battello, alle ISOLE BORROMEE, famose per la loro bellezza, che comprendono: l’ISOLA BELLA, la più importante, raggiungibile in pochi minuti di navigazione. Era occupata fino all’inizio del XVI secolo da poche case di pescatori. Tra il 1632 e il 1671 Ciulio Cesare Borromeo e il figlio Vitaliano vi costruirono un sontuoso palazzo. L’interno è sontuoso con ambienti pregevoli, in particolare le curiose sale inferiori con decorazioni grottesche. Incantevole è il giardino all’italiana, articolato su 10 terrazze digradanti, con splendide vedute del lago e ornate di essenze rare, statue e fontane. Di grande effetto sono le grotte, incastonate di ciottoli di lago. Dal Palazzo si accede al bellissimo Giardino terrazzato, dove tra statue e cespugli di azalee camminano impettiti pavoni bianchi.
Dalla terrazza più alta si gode un bel panorama del Golfo Borromeo e di Stresa. ISOLA DEI PESCATORI, conserva ancora la struttura dell’antico borgo che si estende sulle rive, con archivolti che scavalcano le strette vie. Un tempo abitata da semplici pescatori e che oggi offre un pasto a base di pescato del lago. Si può passeggiare tra le vecchie case dei pescatori con balconi in legno e stipiti in granito. Ogni via conduce al lago e piccole barche e reti ricordano l’attività degli abitanti. E’ un’isola piccola con i suoi piccoli tesori, come la chiesa Parrocchiale con stipiti e colonne in granito rosa di Baveno ed il busto in argento di San Carlo Borromeo.
Suggestivo è il piccolo cimitero dei pescatori ed una bella vista sulla Isola Bella e sull’Isola Madre, su Baveno e il Mottarone. Passeggiata a STRESA, elegante stazione climatica di antica fama internazionale, in ridente posizione sulla sponda occidentale del Lago Maggiore, sotto le boscose pendici del Mottarone; d’obbligo un giro sul Lungolago, fiancheggiato da alberghi e ville, è una bellissima passeggiata per la vegetazione e la vista sul lago. Al termine delle visite, sistemazione in Hotel nei dintorni. Cena e pernottamento.

18/09/2016 – LAGO D’ORTA / RIENTRO
Prima colazione in Hotel. Incontro con la guida e visita del LAGO D’ORTA: splendido specchio d’acqua, al di là del solco lasciato dal Toce, il contesto quanto mai vario del Verbano piemontese non cessa di riservare sorprese; le sue rive sono molto attraenti, ricche di boschi e sparsi di centri che ora si affacciano direttamente all’acqua, ora si adagiano a terrazzi. Visita di ORTA SAN GIULIO, il centro più frequentato, inserito nella lista dei “Borghi più belli d’Italia”. Escursione all’isola di San Giulio, pittoresca isola di forma ellittica: isola di “pietra”, lavorata, costruita e plasmata dall’ingegno e dalla manualità dell’uomo, vede le costruzioni accalcarsi in uno scenario che conserva intatto il suo lascino. Sull’isola sorgeva un castello che l’aveva resa praticamente inespugnabile, ma il tutto fu distrutto per costruirvi il Seminario, che ha conferito al luogo un carattere prettamente religioso. Sull’isola si trova anche la Basilica di San Giulio, di antichissima origine, dalla facciata e dall’esterno romanico. Salita al SACRO MONTE: sorge sulla collina che si eleva al centro della penisola; a differenza degli altri Sacri Monti, quello di Orta è l’unico interamente dedicato ad un santo, le 20 cappelle, con affreschi e gruppi in terracotta dei sec. XVII e XVIII, raffigurano infatti episodi della vita e dei miracoli di San Francesco d’Assisi. Il Sacro Monte d’Orta è inserito nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità tutelato dall’UNESCO perché “rappresenta un’integrazione di successo tra architettura ed arti decorative in un paesaggio di grande bellezza e per l’alto valore spirituale”. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, partenza per il rientro. Sosta lungo il percorso per il ristoro e per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 pax) € 225,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati – Trattamento di pensione completa, dalla cena del 17/9 al pranzo del 18/9 – Le bevande ai pasti – Guida per tutte le visite, come da programma – Battello per le isole Borromee – Battello per l’escursione all’isola di San Giulio – Capogruppo
LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco – Il pranzo del 17/9 e la cena del 18/9 – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”

Supplemento camera singola: € 25,00


a ROMA per il GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

a ROMA per il GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

1 giorno – domenica
18 settembre 2016

ProgrammaAppuntamento dei partecipanti alle ore 04.00. incontro con il pullman e partenza alle volta di ROMA. Sosta lungo al percorso per ristoro. Arrivo a Roma e giornata dedicata alla visita con guida.
Quello promulgato da Francesco sarà il 65° “Anno Santo” della storia. Il primo a indirlo fu Sisto V nel 1585. L’ultimo pontefice ad aprire la (murata) Porta Santa di San Pietro per avere indetto un giubileo universale straordinario, è stato Giovanni Paolo II, futuro santo, nel 1983: lo promulgò per celebrare i primi 1950 anni dalla redenzione di Gesù Cristo sulla croce nell’anno 33. il giubileo è l’anno della remissione dei peccati e delle pene dei peccati, della riconciliazione, della conversione e della penitenza sacramentale. Dunque sono 365 giorni di solidarietà, speranza, giustizia, impegno al servizio di Dio nella gioia e nella pace con tutti. Ma soprattutto, l’Anno giubilare è l’anno di Cristo, portatore di vita e di grazia all’umanità. Un altro rito tipico del Giubileo è l’apertura della Porta Santa che consiste nella muratura di una particolare porta che chiude un accesso “preferenziale” alla salvezza dell’anima: l’apertura di tali porte ubicate nelle quattro Basiliche di Roma ( San Pietro, San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le mura e Santa Maria Maggiore) è simbolo di un percorso straordinariamente facilitato verso la redenzione ottenibile con il pentimento in occasione dell’Anno Santo. Tradizione vuole che si debbano visitare le quattro grandi Basiliche:
SAN GIOVANNI IN LATERANO: è la Cattedrale di Roma, la madre di tutte le chiese, a Roma e nel mondo. Fondata da Costantino durante il regno di Silvestro (314-335), fu distrutta e ricostruita molte volte. La basilica attuale risale al XVII sec. In un edificio, all’altro lato della piazza, si trova la Scala Santa, che secondo la tradizione, fu quella salita da Cristo per andare da Pilato.
SANTA MARIA MAGGIORE: è la più grande delle chiese dedicate alla Madonna; è la sola basilica che nonostante i molteplici interventi decorativi, ha preservato la sua forma originaria. Fu eretta, secondo la leggenda, nel 352 d.C dopo un’apparizione della Madonna, e definitivamente terminata da Papa Sisto III (432-440)
SAN PIETRO: la suggestiva piazza, insieme al colonnato del Bernini, fanno da cornice alla chiesa più grande della Cristianità, dominata dalla grandiosa Cupola di Michelangelo. La Basilica sorge sopra le fondamenta di una chiesa paleocristiana, che la tradizione vuole costruita sopra la tomba dell’apostolo. La Basilica di San Pietro è un’opera immensa, concepita per celebrare la Sacralità della Chiesa Cattolica. Entrando all’interno, ci si rende subito conto di essere nella più grande costruzione sacra esistente.
SAN PAOLO FUORI LE MURA: sorge a circa 2 km sulla via Ostiense; fu costruita sulla tomba dell’Apostolo dei Gentili e consacrata nel 324. la costruzione più antica è stata attribuita all’imperatore Costantino il Grande. Una basilica più grande fu costruita da Valentiniano II, Teodosio e Arcadio. Distrutta dal fuoco nel 1823, venne ricostruita sulle stesse fondamenta e consacrata nel 1854 da Papa Pio IX.
Verso le ore 18.30 inizio del viaggio di ritorno. Sosta lungo il percorso per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 60,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Guida intera giornata – Radioguida – Capogruppo.
LA QUOTA NON COMPRENDE: I pasti – Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

*****************************************
ROMA IN LIBERTA’ – € 45,00
LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO