Il Borgo e l’Abbazia di FARFA / CASTEL DI TORA: un presepe sulle acque / La Medievale ROCCA SINIBALDA

Il Borgo e l’Abbazia di FARFA / CASTEL DI TORA: un presepe sulle acque / La Medievale ROCCA SINIBALDA


PRANZO IN RISTORANTE – PASQUA 2024
1 aprile 2024


DESCRIZIONEBORGO E ABBAZIA DI FARFA: Il borgo di Farfa appare al visitatore come un gruppo di casette allineate lungo la strada principale e le altre viuzze aggruppate intorno al monastero, usate come botteghe. Un grande arco immette nell’atrio della Basilica. Il portale romanico ha magnifici fregi floreali ad ovuli. Nella lunetta sovrastante si intravede, sotto al polverone della strada, la Madonna adorante il Bambino con ai lati due santi, e all’estremità a destra un monaco inginocchiato. Fa da scena un prato sul quale innalza la Basilica Farfense con i due caratteristici campanili. Da questo primo portale ci si presenta la facciata, cui un recente restauro ha ridonato il primitivo aspetto. Tolto l’intonaco sono apparsi nel timpano e ai lati del finestrone frammenti di sarcofagi pagani e cristiani. Sui pilastri che dividono la facciata in tre zone sono accovacciati due leoni residui di qualche portale smembrato. Farfa è un santuario mariano, entrando in Basilica ci appare subito una vasta aula, divisa in tre navate, di sereno aspetto rinascimentale; fu costruita infatti dagli Orsini, il cui stemma risplende al centro del dorato soffitto a cassettoni.

CASTEL DI TORA: il borgo si trova nell’omonimo comune, ed è entrato nel circuito dei “Borghi più belli d’Italia” Immerso in un paesaggio incontaminato sulle rive del lago di Turano, è circondato da fitti boschi e dominato dal Monte Navegna. Il Castello di Tora e il lago di Turano formano un’oasi di pace, nella natura incontaminata. Il centro storico arrampicato su un’altura e dominato da un antico castello è rimasto pressoché invariato, così come l’architettura prevalente, fatta di case in pietra a vista, con coperture in legno e tetti con tegole di laterizio, secondo tipologie tipiche dell’architettura rurale medievale. Nel borgo regna un’atmosfera fiabesca: antichi portali, caratteristiche viuzze con archi, scalinate, passaggi, grotte e cantine scavate nella roccia, resti di colonne romane, fregi e iscrizioni latine sui muri perimetrali della chiesa, il campanile dove crescono la violacciocca e la mentuccia, la piazzetta belvedere, romantica, sul lago, la torre pentagonale, unica conservata delle mura medievali. Antuni e Castel di Tora sono due località adiacenti, legate dalle vicende storiche che le hanno interessate: oggi Antuni è ormai una città perduta, accorpata da un punto di vista amministrativo al comune di Castel di Tora. Il borgo medievale di monte Antuni, è collegato da un istmo sottile alla terraferma attraverso il lago artificiale. Non solo si può godere di un panorama incantevole attraverso le acque, ma ci si può perdere nella suggestione data dai resti del palazzo dei Draghi, colpito duramente durante la seconda guerra mondiale.

ROCCA SINIBALDA – Adagiato su un colle a 552 metri d’altezza, tra il Cicolano e la Sabina, sorge il panoramico borgo di Rocca Sinibalda. Sovrastato dalla possente mole del Castello Sforza-Cesarini, il borgo è tra quelli più conosciuti della zona grazie anche alla posizione geografica che lo vede collocato vicino alla Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia, al Lago del Salto e al Lago del Turano. Intorno si aprono vaste aree di bosco misto che, specie durante la primavera offrono imperdibili spettacoli naturali. Rocca Sinibalda sembra quasi nascondersi per chi arriva dalla strada principale. Nei pressi parte una strada rettilinea che raggiunge il cuore più antico del paese. Man mano che ci si avvicina si noterà sempre di più la maestosa sagoma del Castello. Piazza della Vittoria chiusa da una serie di edifici con una fontana centrale, il Monumento ai Caduti e alberi di varie specie. Proseguendo lungo la strada si arriva al cospetto della fortezza incorniciato da vari edifici medievali. Da qui si percorre liberamente il vicolo che segue le alte mura castellane. Si attraversa un primo arco facente parte della cinta muraria del XII secolo. Vi ritroverete avvolti nelle più classiche atmosfere medievali con antiche casette ristrutturate, vicoletti dove di tanto in tanto si aprono vedute sulla campagna circostante; il tutto sempre all’ombra della grandiosa fortezza signorile.

PROGRAMMAAppuntamento dei partecipanti alle ore 06,00. Incontro con il pullman e partenza alla volta del Borgo di FARFA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo, incontro con la guida e visita intera giornata: il Borgo e l’abbazia di FARFA, CASTEL DI TORA, BORGO DI ROCCA SINIBALDA. Pranzo in ristorante. Ultimate le visite, partenza per il rientro. Sosta per ristoro. Arrivo.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 30 Pax) € 100,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman Gran Turismo – Guida per l’intera giornata – Pranzo in ristorante, bevande e caffè inclusi – Capogruppo.

LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei luoghi di visita – Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”