I TESORI DELLE MARCHE

I TESORI DELLE MARCHE

itinerario di 3 giorni

1° giorno : ANCONA / URBINO

Arrivo ad Ancona e visita con guida. Il porto,la  Mole Vanvitelliana, piazza della Repubblica, il Teatro delle Muse, Piazza del Plebiscito, chiamata dai residenti Piazza del Papa, per via della grande statua di Clemente XII che sorveglia il “salotto” della città, Palazzo  Ferretti che ospita il Museo Archeologico Nazionale la Chiesa di San Domenico,  il vecchio centro storico e monumentale sul Colle Guasco, sulla cui sommità si trovava l’acropoli greca e, oggi, la Cattedrale di San Ciariaco,

una delle piu’belle chiese medievali delle Marche da dove si può ammirare un affascinante  panorama della città, e  del porto . Ritornando verso il porto, le cinta murarie di origine medievale e l’Arco di Traiano, risalente al 115 d.C.. Pranzo libero.

Nel pomeriggio partenza alla volta di Urbino, arrivo e visita guidata. La città, adagiata su un colle che si erge tra i fiumi Foglia e Metauro, si protende ad Oriente verso il mare Adriatico. E’ uno dei cntri storici meglio conservati d’Italia. Urbino è ricca di storia e di fascino, attraversando le sue stradine fino a giungere al Palazzo Ducale sulla grande Piazza Rinascimento.

Il palazzo, la cui costruzione fu avviatala Federico da Montefeltro nel 1455, è un edificio dalle strutture solidissime, di armoniosa snellezza nelle forme esterne, di razionale funzionalità nella sistemazione interna: una città a forma di palazzo, potremo ammirare l’interno ed il Cortile d’Onore, la Cattedrale etc.

Al termine della visita, rientro verso Ancona, cena e pernottamento in hotel.

2° giorno   GROTTE DI FRASASSI / RIVIERA DEL CONERO

Prima colazione in hotel e partenza alla volta di Genga. Incontro con la guida ed inizio della visita alle Grotte di Frasassi. Scoperte nel 1948, le grotte vennero aperte al pubblico per la prima volta nel 1974. La spettacolarità delle grotte è determinata dalla grande quantità di formazioni stalagmitiche e stalattitiche e dalle numerosissime sale. Si seguirà il percorso piu’ famoso attraversando “l’Abisso Ancona”, la prima parte della grotta apparsa agli scopritori, che prese il nome dalla loro città di provenienza, il “ Lago Cristallizzato “ , “ il Castello Fatina “, così chiamato per il suo aspetto a guglie e pinnacoli. Avanzando lungo il percorso si attraversano numerosi ambienti suggestivi quali le “ Canne d’Organo “ la “ Sala Candeline “, la “ Sala dell’Orsa “ ed il “ Gran Canyon “. Ultimata la vista, partenza verso la riviera del Conero, pranzo libero.

Il Monte Conero è un vero scrigno di reperti storici culturali e di bellezze naturalistiche.

Si scende   verso le spiagge di Portonovo e si arriva alla stupenda costruzione che è Santa Maria di Portonovo, gioiello romanico immerso nel verde. Si prosegue sulla riviera sino  ad arrivare alla sommità del Conero da dove si ha un’ampia spettacolare veduta sul Porto di Numana e sull’Adriatico, vi sorge l’abbaziale di San Pietro con i resti dell’antico monastero benedettino. Riscendiamo da Conero per proseguire verso Sirolo e Numana, fin dall’età del Ferro questa area fu un importante centro piceno; a partire dagli ultimi decenni del VI sec. a.C. divenne un attivo emporio, uno dei principali porti dell’Adriatico.L’area archeologica si trova in località I Pini di Sirolo ed è l’unica delle Marche in cui sia possibile visitare un settore di necropoli Picena. La visita al Parco di completa con l’Antiquarium di Numana, Museo che conserva corredi e materiali arcaici databili fra il VII e il III sec. a.C..

Ultimata la visita, sistemazione in hotel, cena e pernottamento..

3° giorno LORETO / RECANATI

Prima colazione in hotel e partenza alla volta di Loreto. Incontro con la guida e visita del Santuario e dell’annesso Museo Antico Tesoro. Loreto realizza il tipico caso in cui un santuario genera un  centro urbano definendone le caratteristiche e le funzioni. Di conseguenza le vicende di Loreto hanno coinciso nei secoli quasi sempre con quelle del santuario. La storia del Santuario inizia nel sec. XIII (10 dicembre 1294) con l’arrivo della casa abitata dalla famiglia della Vergine Maria a Nazaret.

Questa preziosa reliquia fu portata in Italia dopo la caduta del regno dei crociati in Terra Santa. Il santuario di Loreto è stato per secoli ed è ancora oggi uno dei luoghi di pellegrinaggio tra i piu’ importanti del mondo cattolico. E’ stato visitato da circa 200 Santi e Beati e da numerosi Papi. Pranzo libero.

Nel pomeriggio proseguimento per Recanati, incontro con la guida e visita dei luoghi leopardiani: Palazzo Leopardi, Piazzola sabato del villaggio, casa di Silvia, Centro Nazionale Studi Leopardiani, il colle dell’infinito.

Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE

(su richiesta, contattando direttamente l’agenzia, in quanto, la quota varia in base al numero di partecipanti e al periodo di effettuazione)